Montella: Sconfitta amara. Andreazzoli: Roma ha saputo soffrire

Firenze, 4 mag. (LaPresse) - "Sconfitta amara, ci giocavamo il terzo posto. Ma faccio i complimenti alla squadra per la prestazione, ha fatto una partita strepitosa. Sono molto dispiaciuto, non meritavamo la sconfitta ma va accettata". E' il commento di Vincenzo Montella al termine della partita contro la Roma. "Credo che ci siano partite segnate, che hanno una storia. Questa - spiega l'allenatore dei viola a Sky Sport - sembra la fotocopia di quella di Coppa Italia. I ragazzi hanno dato tutto, è stata un'annata strepitosa che va conclusa perché abbiamo ancora degli obiettivi. Domani si riparte". "Se crediamo ancora alla zona Champions? Dipende dal Milan, la percentuale si abbassa ma i rossoneri devono ancora giocare e vincere", prosegue Montella. "Le proteste con l'arbitro? Non vorrei focalizzare sugli episodi, ma certe situazioni non le ho capite", aggiunge il tecnico dei viola.

ANDREAZZOLI. "La Fiorentina può recriminare per il risultato, ma per come ci siamo comportati e per come abbiamo saputo soffrire abbiamo meritato la vittoria". Così il tecnico della Roma Aurelio Andreazzoli commenta il successo al Franchi nell'anticipo. "La nostra classifica ci fa piacere - spiega - perché diamo continuità a quanto fatto. Abbiamo sistemato la media punti che si era abbassata dopo Pescara". "Siamo soddisfatti - prosegue Andreazzoli - eravamo al cospetto di una squadra importante, che gioca un nel calcio. Mi sono divertito sia a prepararla che a gestirla, con mosse e contromosse da parte mia e di Montella". "Il primo tempo - continua il tecnico nella sua analisi - è stato in equilibrio, nel secondo la Fiorentina ha messo in campo le sue doti particolari. Lo sapevamo e ci siamo adattati. Abbiamo sofferto, ho cambiato qualcosa e ci siamo risistemati". "Nella ripresa, pur soffrendo, abbiamo avuto 3-4 azioni in contropiede e tre occasioni che potevano premiarci", aggiunge Andreazzoli.

"Sentire all'esterno che l'attenzione è solo sul mercato o sulla possibilità di cambiare allenatore, non mi infastidisce personalmente, ma credo che non sia la maniera migliore per dare forza a me e alla squadra". Andreazzoli commenta così le voci che riguardano il possibile arrivo a fine stagione di Allegri o Mazzarri sulla panchina giallorossa. "Il rammarico - spiega il tecnico - è dover verificare che, mentre nello spogliatoio e in società mettiamo molto impegno nel cercare di portare più in alto possibile queste ultime gare ed avere una classifica premiante, all'esterno del nostro piccolo mondo c'è questo desiderio di parlare di tutto fuorché dell'avversario. Invece - chiarisce Andreazzoli - noi siamo concentratissimi nel cercare di fare il massimo". Il tecnico commenta le parole di elogio avute dal dg Baldini nei suoi confronti: "Non avevo alcun dubbio che avesse stima di me, noi siamo molto compatti nel cercare di ottenere il massimo. Speriamo di avere la soddisfazione che credo ci meritiamo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata