Montella: Lazio grande squadra, servirà Fiorentina perfetta

Firenze, 9 mar. (LaPresse) - "Se vogliamo uscire con un risultato positivo dall'Olimpico dobbiamo fare una partita praticamente perfetto. La Lazio è molto forte ed equilibrata". Così Vincenzo Montella nella conferenza stampa alla vigilia del match di campionato tra la Fiorentina e la Lazio. Parlando degli avversari, il tecnico viola sottolinea i meriti del collega biancoceleste: "Petkovic ha lavorato bene la sua squadra è compatta e sa vivere i momenti della partita nel modo giusto. Sa quando attaccare, quando difendersi e quando gestire la gara. I suoi giocatori stanno mostrando continuità, anche perchè giocano insieme da qualche anno".

"Io e Petkovic simili? Intanto è molto più alto di me.... - scherza - A parte le battute mi piace perchè è molto onesto ed equilibrato. Credo che sia un allenatore molto positivo per il nostro calcio. Una persona che stimo". In casa viola tiene sempre banco il momento non brillantissimo di Stevan Jovetic. "Credo che si vada a parlare spesso di lui perchè è un grande giocatore. Lui ha grande voglia e la sta dimostrando", replica Montella.

Montella non si sbilancia per quanto riguarda la formazione: "I cambi vengono fatti sempre in funzione di quello che succede durante la partita. Io cerco di leggere le situazioni, a volte bisogna anche forzare delle situazioni per ottenere dei risultati". La tattica per domani è molto semplice: "Credo che dobbiamo rimanere noi stessi e portare avanti la nostra filosofia. Se cambiamo atteggiamento potrebbe non essere una mossa vincente. Lo spirito e la prestazione, specie nel secondo tempo, contro il Chievo mi sono piaciuti moltissimo".

In conclusione una battuta sulla sfida tra due suoi 'vecchi amici', Totti e Di Natale, che si sfidano tra qualche ora. "Due calciatori geniali con caratteristiche diverse. Sanno divertire, anche in allenamento e ti riconciliano con il calcio. Di Natale vive di più per il goal, Totti ha più numeri. Insieme farebbero scintille", conclude Montella.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata