Mondiali rugby, Australia batte Italia 32-6

Auckland (Nuova Zelanda), 11 set. (LaPresse/AP) - L'Australia ha battuto l'Italia per 32-6 nella prima partita del gruppo C della Coppa del Mondo di rugby che si è disputata a Auckland, in Nuova Zelanda. Nell'altro match del girone, l'Irlanda ha sconfitto per 26-10 gli Stati Uniti.

Gli azzurri di Nick Mallett ha retto un tempo, il primo, chiuso sul 6-6 anche grazie ad una grande difesa. Nella seconda frazione, però, i Wallabies sono usciti alla distanza e sono andati in meta per quattro volte, di cui tre negli ultimi nove minuti. Decisivo l'ingresso in campo di James O'Conner, autore di 11 punti, con una meta e tre conversioni. Le altre marcature australiane di Ben Alexander, Adam Ashley-Cooper e Digby Ioane, mentre Quade Cooper ha messo a segno due calci piazzati.

Per l'Italia solo i due calci piazzati di Mirco Bergamasco nel primo tempo, a fronte di un errore. I ragazzi di Mallett raramente hanno minacciato la linea di meta australiana, costretti sulla difensiva per quasi tutto il match. Solo nel primo tempo, infatti, i Wallabies hanno avuto il 73% di dominio territoriale. Nella seconda frazione, complice un'inevitabile calo degli azzurri, per i forti australiani è stato un gioco da ragazzi andare a meta e chiudere il match. L'Italia tornerà in campo il prossimo 20 settembre alle 9.30 ora italiana contro la Russia a Nelson. Un match decisamente alla portata di Parisse e compagni.

"Peccato, abbiamo pagato a caro prezzo gli ultimi 20 minuti dell'incontro", ha detto Mallett al termine del match. "L'Australia è una grande squadra - dichiara il ct azzurro in conferenza stampa - e sono orgoglioso della prestazione dei miei ragazzi. Sono felice soprattutto perchè siamo venuti fuori da questa partita senza essere umiliati". Sempre a proposito della prestazione degli azzurri, Mallett aggiunge: "E' un peccato non aver tenuto meglio il controllo della palla. Ma dobbiamo dare molti meriti all'Australia che ha vinto anche grazie ad un'ottima gestione della mischia".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata