Mondiali 2014: questa sera Brasile-Olanda, le grandi deluse si giocano 3° posto

Brasilia (Brasile), 12 lug. (LaPresse) - Più che il terzo posto Brasile e Olanda nella 'finalina' del Mondiale di questa sera a Brasilia cercano un riscatto personale. I verdeoro, dopo l'umiliante sconfitta per 7-1 con la Germania, sono chiamati a una prova d'orgoglio di fronte a un intero paese. "Non dobbiamo vergognarci di nulla. Dobbiamo vedere le cose buone. Abbiamo fatto un buon lavoro con i giocatori. La sconfitta è arrivata contro una squadra superiore - ha spiegato Luiz Felipe Scolari in conferenza stampa tornando sul ko in semifinale - Quello che ci interessava era raggiungere la finale. Non è arrivata. Ma non vedo l'eliminazione come una cosa negativa, tranne che per il risultato catastrofico di 7-1. Se fosse stato 1-0, sarebbe stata comunque una sconfitta, ma non così disastrosa". Quella con l'Olanda dovrebbe essere l'ultima partita da ct della Seleçao per Scolari. Difficile infatti che l'ex tecnico del Portogallo venga riconfermato. "Chiuderò domani la prima fase del mio lavoro. Poi presenterò la mia relazione, parlerò con il presidente della Cbf (José Maria Marin, ndr) e Marco Polo (Del Nero, prossimo numero uno della Federazione, ndr) e vedremo cosa succederà - ha spiegato - Noi continueremo a lavorare normalmente fino a domani".

Ultima partita da ct anche per Louis Van Gaal, che aveva già annunciato l'addio agli 'Orange' prima dell'inizio della Coppa del Mondo. L'ex allenatore dell'Ajax andrà a Manchester, sponda United, per tentare di ricostruire i Red Devils dopo la brutta annata di Moyes. L'eliminazione ai rigori in semifinale non è ancora stata digerita dalla nazionale olandese. "E' meglio perdere 7-1 perché sai chiaramente di aver perso. Essere esclusi dalla finale ai calci di rigore, senza essere battuti, è il peggio che possa accadere. E' irritante - ha ammesso Van Gaal in conferenza stampa - Rimpianti? Nessuno, ho fatto i cambi che ritenevo necessari - ha spiegato - I media possono riscrivere la storia se vogliono. Quello che ricorderò di questa semifinale è che non abbiamo perso. Eravamo tutti pronti ma il sogno è svanito per questa grande squadra costruita in un paio di settimane". Parlando della partita, il tecnico degli 'Orange' ha spiegato che "abbiamo studiato molto bene il Brasile, faremo di tutto per finire al terzo posto - ha ammesso - Vogliamo abbandonare il torneo rimanendo imbattuti, record che all'Olanda non è mai riuscito". Per Van Gaal la Seleçao potrà contare sul fatto di aver riposato un giorno in più. "I brasiliani hanno iniziato la Coppa del Mondo prima di noi e hanno giocato la semifinale un giorno prima, sono più freschi - ha sottolineato - Questi sono i fatti, Scolari può pensare quello che vuole, è un vantaggio per lui. Nel corso della manifestazione, le fatiche si accumulano. Devo ancora vedere in allenamento i giocatori che sono più in forma. Scenderà in campo chi sarà mentalmente più forte. Lo spirito è più forte del corpo", ha concluso Van Gaal.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata