Mondiali 2014, Olanda spezza la favola della Costa Rica ai rigori: è semifinale

Salvador (Brasile), 6 lug. (LaPresse) - Un epilogo al cardiopalma proietta l'Olanda tra le prime quattro del Mondiale 2014. Ma gli 'Orange' sono costretti, nel match disputato a Salvador, ad arrivare fino ai calci di rigore per avere ragione della tignosa Costa Rica, ormai non più rivelazione del torneo. I Ticos, già capaci di battere Italia e Uruguay nel girone e superare la Grecia negli ottavi, reggono per 120' di fronte alle iniziative degli uomini di Van Gaal: a salvare i centroamericani, i tre pali colpiti dagli olandesi e un super Navas, che ancora una volta riesce a non subire una rete su azione. Nel momento decisivo, è invece il portiere dei 'Tulipani' Krul, subentrato proprio per la 'lotteria', ad esaltarsi dal dischetto. L'Olanda tira un enorme sospiro di sollievo e si accinge a sfidare l'Argentina, in una semifinale che promette spettacolo. La favola della Costa Rica, protagonista di una prestazione al limite del commovente, finisce ma la formazione di Pinto esce a testa altissima.

Van Gaal lancia per la prima volta dal primo minuto Depay, che si piazza nel tridente di centrocampo formato da Sneijder e Wijnaldum. Blind avanza in mediana per sostituire l'infortunato De Jong mentre Kuyt si sposta sulla fascia destra. In avanti, Van Persie affianca Robben. Nella difesa della Costa Rica, Acosta rileva lo squalificato Duarte al centro. Coppia d'attacco formata da Ruiz e Campbell. Avvio prudente dei Ticos, attenti a non concedere spazi ai temibili avanti olandesi. La prima occasione però è proprio targata Orange, con Van Persie che arrivato a tu per tu con Navas spara clamorosamente addosso al portiere. Sulla ribattuta, Sneijder tenta il destro, bloccato ancora dal portiere. Quindi è Depay, cercato da Van Persie, a sfiorare il vantaggio con un sinistro di potenza da posizione defilata: l'estremo difensore centroamericano respinge di piede. Altra occasione per l'Olanda con Sneijder, la cui punizione è sventata sempre da Navas. Il muro dei Ticos regge anche nella successiva minaccia portata da Van Persie, che servito splendidamente in profondità da Robben si fa anticipare dal portiere in uscita. Grazie a Navas, il primo tempo resta inchiodato sullo 0-0.

La trama non cambia nella ripresa, con Olanda che prova a fare la partita senza riuscire ad elevare più di tanto il ritmo. Ma la difesa di Pinto contiene bene e Van Persie resta invischiato più volte nella trappola del fuorigioco. E La Costa Rica prova anche a farsi vedere con un'incornata di Gonzalez sugli sviluppi di una punizione di Bolanos: pallone alto sulla traversa. La replica degli Orange è in un colpo di testa di Vlaar, senza esito. Uno scontro di gioco tra Blind e Gamboa costa caro al costaricano, costretto all'uscita in barella. I minuti passano e gli olandesi spingono sull'acceleratore, cingendo d'assedio i Ticos: punizione del solito Sneijder, stavolta è il palo a fermare l'ex interista. E' sempre il trequartista a servire dalla sinistra Van Persie, che però liscia di destro e si divora il gol qualificazione. Ancora l'attaccante del Manchester United ci prova direttamente su punizione, Navas respinge con i pugni, l'azione continua con la palla che torna a Van Persie che vede il suo sinistro, deviato, timbrare clamorosamente la traversa. La Costa Rica si salva ancora, la sua porta sembra stregata per gli uomini di Van Gaal. E si va ai supplementari, il cui sottotitolo è ben definito: i Ticos proveranno a resistere fino ai rigori. Si mantiene sempre avanti l'Olanda, pericolosa con un colpo di testa di Vlaar: Navas devia in angolo. Anche il successivo sinistro dal limite di Robben non porta esito.

Le squadre, sempre più stanche, entrano nel secondo supplementare e a sorpresa i Ticos spezzano per un attimo il monologo Orange con un'azione che per poco non porta all'incredibile vantaggio: a salvare tutto sullo spunto di Urena è Cillesen con una prodezza. Grosso brivido per gli arancioni, che si riportano in avanti e ancora una volta devono fare i conti con la sfortuna: sulla conclusione di destro Sneijder ci si mette in mezzo ancora una volta la traversa. Sembra davvero un maleficio: si va ai rigori, per l'epilogo più inaspettato e Van Gaal si cautela spedendo tra i pali lo specialista Krul per Cillessen. E al nuovo entrato bastano pochi minuti per mettere la sua impronta nel momento più delicato, intercettando le conclusioni di Ruiz ed Umana. Freddi e precisi dal dischetto invece Van Persie, Robben, Sneijder e Kuyt. L'Olanda spazza via la paura: è semifinale.

OLANDA-COSTA RICA 4-3 d.c.r.

Olanda: Cillessen (16' sts Krul); Vlaar, De Vrij, Martins Indi (14' pts Huntelaar); Kuyt, Blind, Wijnaldum, Sneijder, Depay (31' st Lens); Robben; Van Persie. All. Van Gaal.

Costa Rica: Navas; Acosta, Gonzalez, Umana; Gamboa (32' st Myrie), Borges, Tejeda (7' pts Cubero), Bolanos, Diaz; Ruiz, Campbell (21' st Urena). All. Pinto.

Arbitro: Irmatov (Uzb).

Note. Ammoniti: Diaz, Umana, Gonzalez, Acosta (C), Martins Indi, Huntelaar (O).

Rigori: Borges rete (C), Van Persie rete (O), Ruiz parato (C), Robben rete (O), Gonzalez rete (C), Sneijder rete (O), Bolanos rete (C), Kuijt rete (O), Umana parato (C).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata