Mondiali 2014, Herrera accusa: Rigore per Olanda inventato, Robben tuffatore

Fortaleza (Brasile), 29 giu. (LaPresse) - "In un certo senso abbiamo fatto un buonissimo lavoro, dopo il gol i nostri si sono portati avanti, hanno provato ma non son riusciti ma non metterla in porta". E' il commento di Miguel Herrera, commissario tecnico del Messico, dopo la sconfitta negli ottavi di finale contro l'Olanda ai Mondiali. "Ringrazio tutti per il sostegno, ma non siamo riusciti a raggiungere quello che volevamo", aggiunge il tecnico dei sudamericani che però si scaglia anche contro Arjen Robben e l'arbitro Pedro Proenca per il rigore che ha deciso la sfida. Il direttore di gara ha punito il contatto tra l'attaccante e il difensore sudamericano Rafael Marquez. "Abbiamo finito col perdere perché ha fischiato un rigore che non esisteva", si è sfogato Herrera. A detta del ct del Messico, durante l'incontro Robben "si è tuffato tre volte. L'arbitro avrebbe dovuto ammonirlo". A trasformare il penalty è stato Klaas Jan Huntelaar.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata