Mondiali 2014, Buffon: Non esistono più le cenerentole nel calcio

Recife (Brasile), 20 giu. (LaPresse) - Una sconfitta "clamorosa per chi dà per scontato alcune cose e pensa che ci siano ancora delle cenerentole in competizioni come il Mondiale. Ormai, da parecchi anni a questa parte, abbiamo capito che di cenerentole non ne esistono più". Gianluigi Buffon, portiere e capitano della Nazionale, commenta così a caldo il ko contro la Costa Rica nella seconda giornata del Gruppo D. "Speravamo di fare meglio quello che pensavamo di aver preparato bene, per poterli mettere in difficoltà e riuscire a vincere la gara", analizza il numero uno azzurro ai microfoni di Sky Sport. "Invece - ammette - abbiamo avuto qualche difficoltà in più e loro, dopo essere andati in vantaggio, hanno gestito bene questa vittoria". L'Italia è chiamata a risollevarsi nell'ultima partita del girone, contro l'Uruguay: "Ci si rialza guardando l'aspetto positivo. Anche se avessimo pareggiato, non sarebbe cambiato praticamente nulla, perché avremmo dovuto fare almeno un punto nell'ultima gara. Probabilmente, anche se avessimo vinto dovevamo fare ugualmente dei punti. Per una volta - aggiunge Buffon - credo sia anche giusto guardare in casa nostra e sperare più che altro di far bene quello che dobbiamo fare noi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata