Mondiali 2014, Blatter: Papa triste per sconfitta Argentina, sorpreso da premio a Messi

Rio de Janeiro (Brasile), 14 lug. (LaPresse) - Il presidente della Fifa Sepp Blatter ha detto che il Brasile merita 9.25 su 10 per l'organizzazione di una Coppa del Mondo 'speciale' con un calcio di alta qualità. Nel corso del suo report finale all'indomani della vittoria della Germania contro l'Argentina, il numero 1 del calcio mondiale ha minimizzato i fischi indirizzati a lui e al presidente del Brasile Presidente Dilma Rousseff, quando hanno presentato il trofeo allo stadio Maracanà. "Se fai parte di questo business devi conviverci", ha dichiarato. Blatter si è poi detto "sorpreso" per il premio assegnato alla stella dell' Argentina Lionel Messi come miglior giocatore del torneo.

"Oggi ho ricevuto un messaggio da Papa Francesco, certamente non era felice per la sconfitta dell'Argentina però mi ha detto che il calcio è bello perché unisce le persone", ha detto poi Blatter sempre nel corso della conferenza stampa finale allo stadio Maracanà di Rio de Janeiro. "Ha voluto inviare un messaggio di pace, è stato un successo e abbiamo regalato tante emozioni", ha aggiunto il numero 1 dello sport mondiale a proposito del Papa.

Blatter ha parlato poi anche di un altro tema caldo. "Io penso che abbia subito una squalifica molto dura. Ma spero che possa tornare", ha detto a proposito dei 9 turni di stop e i 4 mesi di squalifica inflitti all'attaccante dell'Uruguay Luis Suarez dopo il morso rifilato a Giorgio Chiellini nella partita contro l'Italia ai Mondiali.

Il presidente della Fifa ha poi criticato aspramante gli episodi di discriminazione che si sono verificati anche durante la Coppa del Mondo. "Non sono del tutto felice per il modo in cui abbiamo combattuto contro il razzismo", ha detto oggi Blatter. Il presidente della Fifa ha poi aggiunto di aver parlato con il presidente della Russia Vladimir Putin durante la finale di domenica chiedendo che questo argomento sia una priorità in vista della Coppa del Mondo del 2018.

Blatter e il presidente del Brasile Dilma Rousseff avevano garantito che questa Coppa del Mondo avrebbe preso posizione contro ogni forma di discriminazione. Tuttavia, ci sono stati diversi casi segnalati di tifosi che hanno intonato insulti contro i gay, che hanno esposto striscioni con slogan di estrema destra senza che venissero presi provvedimenti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata