Mondiali 2014, Balotelli: Ho dato tutto, coscienza a posto. Io non italiano? Vergognoso dirlo

Natal (Brasile), 25 giu. (LaPresse) - "Ho dato tutto per la Nazionale, ho la coscienza a posto e sono pronto ad andare avanti più forte di prima". Questa la risposta, affidata ai suoi social network, di Mario Balotelli alle critiche seguite all'eliminazione dell'Italia dal Mondiale. "Ci tenevo fortemente a questo mondiale e sono triste arrabbiato deluso con me stesso", chiarisce Balotelli. "Si magari potevo fare gol con la Costa Rica avete ragione ma poi? Poi qual è il problema? Forse quello che vorreste dire tutti è questo? La colpa - continua l'attaccante del Milan - non la faccio scaricare a me solo questa volta perché Mario Balotelli ha dato tutto per la nazionale e non ha sbagliato niente (a livello caratteriale) quindi cercate un'altra scusa perché Mario Balotelli ha la coscienza a posto ed è pronto ad andare avanti più forte di prima e con la testa alta".

"Non ho scelto di essere italiano. L'ho voluto fortemente perché sono nato in Italia e ho sempre vissuto in Italia", sottolinea il giocatore. "Fiero di aver dato tutto per il Suo paese. O forse, come dite voi, non sono italiano", scrive l'attaccante della Nazionale. "Gli africani non scaricherebbero mai un loro 'fratello'. Mai. In questo noi negri, come ci chiamate voi, siamo anni luce avanti. Vergogna non è chi può sbagliare un gol o correre di meno o di più". "Vergognose - ribadisce Balotelli - sono queste cose. Italiani veri! Vero?".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata