Miss Italia 2014, i bookmaker puntano sulla bergamasca Sara Pagliaroli
Roma, 08 sett. - Ventiquattro ragazze per una corona. Tante sono le finaliste che domenica prossima si contenderanno il titolo di Miss Italia: tre dalla Lombardia, due da Emilia Romagna, Lazio, Campania e Sicilia, una per ciascuna delle altre regioni, meno l'Umbria e la Valle d'Aosta. In attesa della serata clou, il bookmaker inglese Stanleybet offre la possibilità di scommettere sulla vincitrice e in cima alla lavagna svetta la bergamasca Sara Pagliaroli (4.50), occhi azzurri, capelli biondo scuro, altezza 1,74, già “Miss Rocchetta Bellezza Lombardia”. Al secondo posto (5.50) Rosaria Aprea, ventiduenne casertana simbolo del riscatto delle donne vittime di violenza. Sulle passerelle sfilerà con la fascia di Miss Coraggio, che le fu assegnata a luglio da Patrizia Mirigliani. Seguono, entrambe a quota 7.00, la diciannovenne sarda Nicole di Santo e la bionda abruzzese Soleil Anastasia Sorge. Bancate a 8.00 la siciliana Deborah Messina e “Miss Wella Professionals Lombardia”, Elisa Piazza Spessa, lombarda. Rosaria Deborah Alex Cerlino, receptionist napoletana con il sogno dello spettacolo, si gioca 9.00, alla pari con Giorgia Orlandi, “Miss Rocchetta Bellezza Lazio”. Seguono a 12.00 la veneta Sara Nervo e la diciottenne “Miss Linea Sprint Emilia Romagna” Matilde Silingardi, mentre la ballerina campana Anna Cataletti pagherebbe 16.00. Bancata a 18.00 Giulia Salemi, modella piacentina, poi a 21.00 la marchigiana Claudia Filipponi, mentre una vittoria della ventunenne romana Federica Armaleo o della calabrese Alessia Reda renderebbe 23 volte la posta in gioco. Si piazza a 26.00 Sara Battisti, nata a Merano e iscritta all'ultimo anno della Facoltà di Giurisprudenza di Bologna. Meno chance (36.00) per la “Miss Liguria” Noemi Gennaro e per Sara Affi Fella, diciottenne “Miss Curvy Kia Molise”. Chiudono la lista, bancate tutte a 61.00, Carmen Caramia, Clarissa Marchese, Anna Giulia Sant, Melissa Arici, Valentina Paganotto e Veronica Fedolfi. (Agipronews)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata