Milan: Rimborsi a tifosi delusi è una scelta di stile

Milano, 22 lug. (LaPresse) - I rimborsi "saranno concessi, è stata una decisione non dovuta al possibile ricorso al Codacons. E' stata una scelta di stile: non è un precedente". Lo ha detto ai microfoni di Radio Sportiva Leandro Cantamessa, avvocato e legale del Milan, intervenendo sulla questione della class action minacciata dai tifosi dopo le cessioni e le parole di Adriano Galliani che ha aperto ai rimborsi per gli abbonati delusi. "Dal punto di vista giuridico - spiega il legale - l'insoddisfazione non conta, quindi lo facciamo perna questione di immagine. Altrimenti dopo la finale di Istanbul che cosa avrebbe potuto chiedere i tifosi, il rimborso della trasferta e del biglietto". "Il Codacons non rinuncia alla class action? L'interesse di un'azione non ha più oggetto una volta che i soldi sono restituiti spontaneamente", prosegue Cantamessa che aggiunge: "Il gesto dei tifosi è ingeneroso e poco simpatico: la nostra risposta va al di là di timori per azioni giuridiche. Io sono milanista e non condivido neanche un po' l'azione".

Intanto, dopo essersi congratulato con il Milan, il Codacons fa sapere di non aver ancora deciso definitivamente se rinunciare o no alla class action contro i rossoneri per la campagna pubblicitaria degli abbonamenti in cui si vedono giocatori oramai ceduti. Con la class action oltre al rimborso infatti si potrebbe ottenere anche un indennizzo, anche per chi l'abbonamento non intende cancellarlo. Per questo il Codacons chiede a Galliani di concedere ai delusi uno sconto sull'abbonamento o ingressi gratuiti alle partite di coppa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata