Milan, Mihajlovic: Punto guadagnato, sosta al momento giusto

Milano, 7 nov. (LaPresse) - "Stasera è un punto guadagnato. Non eravamo stati gli stessi di Roma". Lo ha detto l'allenatore del Milan, Sinisa Mihajlovic, ai microfoni di Premium dopo lo 0-0 con l'Atalanta a San Siro. "Non cerco scuse, ma le assenze di tre giocatori come Bonaventura, Bertolacci e Alex sono pesate. Quelli che li hanno sostituiti hanno fatto bene finché hanno avuto la forza. Niang, Poli e Mexes non giocavano novanta minuti da tempo. Quando non si può vincere, è importante non perdere. Di positivo - ha sottolineato il tecnico rossonero - c'è abbiamo allungato la striscia e che non abbiamo subito gol. Un punto non ci rende felice, ma il campionato è lungo. La sosta arriva al momento giusto, possiamo recuperare le energie".

"Nel primo tempo - ha continuato - non abbiamo rischiato, ma anche noi abbiamo fatto pochissimo. Arrivavamo sempre in ritardo sulle seconde palle. Nella ripresa, visto che in campo c'erano giocatori in condizioni non perfette, abbiamo provato a inserire un'altra punta per essere più offensivi. Dobbiamo prenderci qualche rischio in più per vincere - ha ammesso - ma non posso rimproverare niente ai ragazzi. Fin quando hanno avuto le forze hanno fatto bene. Faccio i complimenti all'Atalanta, ha fatto una grande gara e meritavano qualcosa in più". A proposito dell'espulsione, l'allenatore ha commentato: "Ho sbagliato a calciare la bottiglia, ma ero arrabbiato con i miei giocatori, non con l'arbitro. Anche perché se avessi voluto prendere il quarto uomo, l'avrei preso". "Il nostro obiettivo è andare in Champions, ma mancano ancora tante partite ed è presto per parlare di queste cose. Bisogna pensare partita per partita", ha concluso Mihajlovic.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata