Milan, Cerci: Ora sto bene, dobbiamo dare l'anima per arrivare in Europa

Milano, 7 apr. (LaPresse) - "Il gol è importante per un giocatore offensivo come me, un po' mi mancava e mentalmente puó essere un bel segno per continuare a segnare nelle prossime partite. Il gol da sempre stima dei propri mezzi, ma è anche positivo per la squadra per portare punti ed è la cosa principale. Sono due settimana che mi sento meglio e sto lavorando meglio, il gol è importante e mentalmente ho fatto una passo in avanti". Queste le dichiarazioni rilasciate in esclusiva a Milan Channel da Alessio Cerci, prima dell'allenamento odierno. "Questa squadra credo che abbia tutte le carte in regola per lottare per i primi posti, ha grande potenziale. Mancano nove partite e dobbiamo cercare di fare il possibile. Queste vittorie ci hanno dato morale, la partita contro la Sampdoria è complicata e dovremo dare il massimo per portare a casa il risultato. So dove posso arrivare e quanto posso dare, sento la gamba tonica. La gamba ha iniziato a girare bene ed è importante per un giocatore che vive di scatti e dribbling come me. Io sono qui per dimostrare tutto il mio valore, so benissimo chi sono ma vorrei farlo vedere ai tifosi del Milan e tutto l'ambiente rossonero", ha aggiunto.

"C'è più serenità nel gruppo e tra lo staff, quando non arrivano i risultati l'ambiente è più teso, ma queste due vittorie ci danno morale e ora dobbiamo fare risultato con la Sampdoria. Io e Ignazio - ha detto ancora Cerci - non abbiamo avuto modo di giocare tanto insieme, sono solo due partite che facciamo, però è un giocatore che ha grande corsa fa anche molta fase offensiva e io devo giocare in maniera differente rispetto a come facevo a Torino, dove stavo sempre un po' più lungo, mentre qui devo più giocare tra le linee e sto cercando di migliorarmi, ce la sto mettendo tutta per farlo." "Destro è un centravanti importante che fa ottimi movimenti, Mattia vive per il gol e per noi può essere fondamentale. Abbiamo un ottimo rapporto, credo molto in lui, ha ottime potenzialità. Il mister mi voleva già dall'anno scorso, però lui mi ha dato sempre fiducia e credo da qui in avanti mi faccia giocare più spesso e che io lo ricambio anche sul campo", ha spiegato l'attaccante milanista.

"Credo che questa squadra abbia un ampio margine di miglioramento, ci sono veramente giocatori forti, se troviamo la quadratura giusta e riusciamo a capire che siamo il Milan e dobbiamo dare tutti di più, abbiamo la potenzialità di arrivare in Europa League. E' un sogno che ci portiamo dentro, dobbiamo crederci e dare l'anima per raggiungere l'Europa e credo che la squadra ci creda. Contro la Sampdoria, che sta facendo un grandissimo campionato con un grande allenatore, sarà difficile perché le sue squadre sono toste come lo era lui da giocatore. Davanti ai nostri tifosi bisogna vincere e continuare questo filotto", ha concluso Cerci.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata