Milan, Balotelli e il ping pong: Continuate a credermi scemo, ma non ho giocato

Milano, 6 mar. (LaPresse) - Vivere sul filo del rasoio è ormai un'abitudine per Mario Balotelli, protagonista di un altro episodio che ha rischiati di 'incrinare' i rapporti con il Milan. Due giorni fa Supermario ha postato su Twitter una sua foto a torso nudo davanti ad un tavolo di ping pong, con una pallina in bocca e due racchette in mano. Immediato il battage mediatico, con alcuni organi di stampa che hanno parlato di Milan 'infastidito' da una possibile leggerezza di Balotelli.

Il giocatore è infatti infortunato ad una spalla, come dimostra anche il cerotto che si vede nella foto e mettersi a giocare a ping pong non è proprio il modo migliore per recuperare. Oggi Supermario ha provato a spegnere l'incendio sempre tramite Twitter. "Il Milan non gradisce cosa? Il Ping pong? Ahahh ahahahahah! Ah non ho giocato era solo una foto ma anche se avessi giocato sono mancino!", scrive l'attaccante del Milan e della Nazionale.

Poi Balotelli se la prende come sempre con la stampa e scrive ancora su Twitter: "Sul mio stato di Twitter c'è scritto non credete a niente a meno che non provenga da qui! Ci sarà un motivo se l ho scritto no?". E ribadisce: "Continuate pure a credermi uno scemo. Quelli come "voi" (che giudicano senza conoscere) li mangio in partenza". Balotelli dà poi degli 'sfigati' probabilmente riferendosi alle pagelle di Italia-Spagna pubblicate su un quotidiano e in cui si fa proprio riferimento ai suoi 'impegni' con il ping pong.

"Un Balotelli scatenato su Twitter questa mattina, che ha anche ribadito: "L'impossibile! Sto cercando al massimo delle mie forze di recuperare per sabato! Non ce la faccio piú a non giocare", ha aggiunto. Balotelli ha postato anche una foto in cui si vede il trattamento effettuato per curare la spalla infortunata. Sabato alle 18.00 il Milan è impegnato nell'anticipo di campionato contro l'Udinese, poi la prossima settimana c'è il ritorno degli ottavi di Champions contro l'Atletico Madrid.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata