Miccoli, i dubbi del Livorno. Zamparini: Non è malavitoso

Livorno, 24 giu. (LaPresse) - "In questo momento immagino che Miccoli sia scosso per quanto avvenuto e per le vicende legate alla sua vita privata. Attualmente il nostro mercato è fermo per quanto concerne il reparto avanzato, ma il suo nome era stato preso in considerazione come tanti altri. Quanto avvenuto negli ultimi giorni al giocatore non ci ha frenati ma ci stiamo guardando attorno valutando qualsiasi tipo di possibile soluzione". E' il pensiero del presidente del Livorno Aldo Spinelli a proposito delle indiscrezioni di mercato sull'interesse, da parte del club toscano, per l'attaccante del Palermo. "Quello di Miccoli - chiarisce Spinelli a calciomercato.it - è sicuramente un nome importante ma senza offesa per il giocatore teniamo in considerazione anche alternative diverse dal punto di vista della carta di identità".

A difendere l'attaccante ci pensa Maurizio Zamparini: "Lo conosco bene, è un ragazzo buono di cuore, non è certamente un malavitoso. È un po' sciocchino, come tanti ragazzi che attraverso il calcio raggiungono la notorietà. Alle volte ne rimangono vittime, con cattive compagnie che li avvicinano, ha commesso una leggerezza nelle frequentazioni". Così il presidente del Palermo, commenta così la vicenda. "Lascerei passare il tempo, i processi mediatici non mi piacciono", spiega il patron ai microfoni di 'La politica nel pallone' su Gr Parlamento. "Non è più del Palermo perché gli è scaduto il contratto, ma conoscendolo - spiega Zamparini - sono dispiaciuto, alla fine verrà fuori che è una bullata, una stupidaggine, ma niente di grave. Tutto si può dire, ma non che sia malavitoso".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata