Miccoli carica Palermo: Contro l'Udinese sarà una guerra

Palermo, 6 mag. (LaPresse) - "Abbiamo anche tenuto bene il campo, giocare lì è molto difficile. È la squadra più forte in Italia e non era facile andare a fare risultato. Fino al rigore abbiamo tenuto bene il campo, nelle ripartenze forse abbiamo sbagliato l'ultimo passaggio e potevamo fare qualcosina in più". Così Fabrizio Miccoli torna in conferenza stampa sulla partita contro la Juventus. Il capitano del Palermo sottolinea comunque la buona prova della squadra rosanero: "Dispiace anche per il palo perchè a volte basta poco, magari entra e le cose sarebbero cambiate. Però andiamo avanti e ci prepariamo a questa partita di mercoledì che per noi è tutto". Inevitabile tornare sull'arbitraggio di ieri, Miccoli non usa mezzi termini: "E' meglio che sto zitto. Oltre al danno anche la beffa. L'ultimo rigore l'abbiamo preso in casa con il Milan, è passato più di un girone e anche di più. E ogni partita non dico che c'è stata qualcosa dubbia ma quasi".

Decisivo il rigore generoso assegnato alla Juve. "Non voglio togliere merito alla Juve, che lo scudetto l'ha vinto meritatamente, anzi di più. Però guarda casa ieri la partita era equilibrata, mancavano venti minuti e non so come si sia potuto dare quel rigore. Non so se a parti invertite l'avrebbero dato". Miccoli però crede ancora nella salvezza del Palermo: "Non dobbiamo mollare e se c'è una speranza dobbiamo portarla avanti fino alla fine. Noi ci crediamo ancora. Mercoledì abbiamo un unico obiettivo, dobbiamo vincere. Se ce la facciamo abbiamo poi buone possibilità di potercela fare. Per noi è l'ultima spiaggia, o dentro o fuori. Sarà una guerra, dobbiamo dare tutto quello che abbiamo". Parlando dell'avversario e degli incroci con le altre concorrenti per la salvezza, Miccoli conclude: "Pensiamo a vincere mercoledì poi è normale che dobbiamo guardare anche agli altri campi. L'Udinese è la squadra più brutta da affrontare in questo momento, ma noi con la 'fortuna' che abbiamo poi andiamo a Firenze che recupera anche Giuseppe Rossi. Spero non sarà facile anche per loro venire a Palermo e fare la partita. Troveranno una squadra motivata, all'ultima spiaggia".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata