Messi e suo padre incriminati per presunta evasione fiscale

Barcellona (Spagna), 20 giu. (LaPresse/AP) - La stella del Barcellona Lionel Messi è stata incriminata dalla magistratura spagnola insieme al padre Jorge Horacio per una presunta evasione fiscale di 4 milioni di euro, legata al alcune irregolarità nei diritti d'immagine del giocatore dal 2007 al 2009. Padre e figlio saranno chiamati a testimoniare in aula il 17 settembre.

Se fosse riscontrata la colpevolezza del giocatore, Messi e suo padre potrebbero rischiare di dover pagare una multa pari al 150% dei guadagni nascosti e dai 2 ai 6 anni di carcere. Funzionari del tribunale di Barcellona hanno riferito alla Associated Press che la stella argentina dovrà comparire di persona insieme al padre in un'udienza che sarà chiusa al pubblico. Il tribunale ha accolto la denuncia presentata dal procuratore Rachel Amada del 12 giugno scorso. Non si è fatta attendere la replica del giocatore, che tramite Facebook ha negato tutto. "Siamo appena venuti a sapere dai media la richiesta presentata dalle autorità fiscali spagnole - recita il comunicato presente sulla pagina ufficiale di Lionel Messi - Siamo rimasti sorpresi dalla notizia, non abbiamo commesso alcuna violazione. Abbiamo sempre rispettato tutti i nostri impegni fiscali seguendo i consigli dei nostri consulenti che si occuperanno di chiarire questa situazione".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata