Mazzarri: Svelerò il mio futuro dopo Roma-Napoli

Napoli, 18 mag. (LaPresse) - "La decisione la prenderò a fine campionato e ne manca ancora una. Spiegherò tutto subito dopo la partita di domani, quella contro la Roma". Così Walter Mazzarri nel corso della conferenza stampa alla vigilia del match contro la Roma, che potrebbe essere l'ultima del tecnico toscano sulla panchina del Napoli.

"Quando sarà il momento i motivi della mia decisione saranno chiarissimi. Ora chiedo rispetto. Io sono a scadenza di contratto e ho diritto di fare le mie scelte. Se queste coincideranno con il club allora il matrimonio continuerà, altrimenti ci sarà una separazione", ha aggiunto Mazzarri.

"Non ho incontrato nessuna società perché rispetto la mia attuale squadra e ho un obiettivo ancora da raggiungere", ha ribadito Mazzarri alle incalzanti domande dei cronisti. "L'aspetto economico influisce zero meno che zero. La società mi ha dimostrato fiducia ad oltranza", ha concluso il tecnico azzurro.

"Il fair play finanziario? Sono d'accordo con il presidente De Laurentiis, da questo punto di vista Napoli è la squadra migliore degli ultimi quattro anni", ha detto ancora Mazzarri nel corso della conferenza stampa, commenta le frecciate di De Laurentiis alla Juventus sulle strategie di mercato. "Il Napoli è una squadra cresciuta, che dà garanzie di risultati aldilà del singolo", ha aggiunto il tecnico azzurro.

"Ho chiesto il massimo ai miei giocatori. Domani se dovessimo vincere potremmo battere il primato di media punti dell'era Maradona del 1990, sarebbe motivo di orgoglio mio e della società", ha detto Mazzarri a proposito del match contro la Roma. "Rispetto all'anno scorso, dovessimo vincere, avremmo 20 punti in più e sarebbe una cosa icredibile. Alla fine, in una annata, i numeri dicono sempre la verità", ha aggiunto il tecnico azzurro. "Io credo che il grande successo è essere competitivi per il vertice, questa è già una vittoria. Poi si deve continuare a lavorare e allora si potrà vincere davvero", ha detto ancora Mazzarri.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata