Mazzarri: Spero che all'Inter Osvaldo possa fare la sua miglior annata

Milano, 9 ago. (LaPresse) - "Domani non convoco Osvaldo, deve fare il lavoro fisico in profondità, ma ha già provato gli schemi tattici, voglio accelerare il suo inserimento nel gioco. Lo stimo da sempre, spero di fargli fare la migliore annata possibile. Le doti tecniche e le qualità sono indiscusse e indiscutibili". Da Walter Mazzarri, allenatore dell'Inter, parole di elogio nei confronti dell'attaccante italoargentino, volto nuovo della squadra nerazzurra, alla vigilia dell'amichevole con l'Eintracht a Francoforte. Il tecnico, intervistato da Inter Channel, chiarisce in merito alle scelte degli uomini che faranno parte della trasferta in Germania: "Cercheremo di portare tutti alla miglior condizione possibile per quando ci saranno le partite che contano. Oggi s'è fatto male Kuzmanovic, che avrebbe dovuto giocare. Vedrò come sostituirlo proprio per innalzare il minutaggio della rosa. Devo tenere in considerazione la condizione fisica".

"Chi è arrivato dopo o chi, come Kovacic, ha subito infortuni, dovrà essere valutato per bene. Mateo domani partirà titolare, vediamo fin dove arriverà come tenuta. Se riesco, farò fare qualche minuto ad Hernanes, ha una voglia di giocare pazzesca. Ma bisogna stare attenti agli infortuni, perché i carichi di lavoro sono pesanti". Quindi un commento sul sorteggio dei playoff di Europa League che vedrà i nerazzurri affrontare gli islandesi dello Stjarnan. Mazzarri invita a non abbassare la guardia: "Il nuovo calcio, europeo e mondiale, lo abbiamo visto anche ai Mondiali, si sta livellando. Le sorprese sono sempre dietro l'angolo. Dobbiamo prepararci bene per arrivare alle due sfide con lo Stjarnan nel modo migliore. Avremmo brutte sorprese se sottovalutassimo l'ostacolo". "Quest'anno - aggiunge l'allenatore dell'Inter - voglio vedere lo spirito di squadra. Se la mettiamo alla pari con l'avversario, possiamo far valere anche i nostri valori tecnici superiori. Altrimenti si può soffrire con tutti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata