Mazzarri: Per Napoli il 2012 è un anno da ricordare

Napoli, 29 dic. (LaPresse) - "Un anno da ricordare". Walter Mazzarri racconta in esclusiva per il sito del Napoli le emozioni e le sensazioni vissute in un 2012 che ha visto la sua squadra protagonista. Il tecnico dei campani ripercorre le tappe salienti che hanno contraddistinto il cammino di Cavani e compagni sia in Italia che in Europa. "E' stato un anno importante - spiega Mazzarri - frutto del lavoro di tutti: società, staff e squadra. Certe volte nel calcio possono verificarsi degli exploit estemporanei. E' facile ottenere un bel piazzamento in una stagione, ma ciò che è difficile è confermarsi. Il Napoli ci è riuscito ed a questa continua crescita del gioco abbiamo aggiunto anche la continuità di risultati che ci ha portato ad assestarci a certi livelli. Questo - aggiunge l'allenatore - rappresenta lo step fondamentale per un club".

Tra i tanti match significativi, la mente corre al cammino in Champions League dell'anno scorso e all'indimenticabile Napoli-Chelsea 3-1 del 21 febbraio. "Una grandissima partita", la definisce Mazzarri che prosegue: "Abbiamo battuto i campioni d'Europa e siamo stati l'unica squadra in tutto il percorso della Champions ad aver segnato 3 gol al Chelsea. Al di là del risultato, comunque, ciò che conta è aver dimostrato a tutta l'Europa che il Napoli è una squadra matura anche a livello internazionale. Credo sia stata la partita che meglio ci ha fatto conoscere ed apprezzare sulla scena europea in questi ultimi anni". "Peccato - aggiunge il tecnico - per il ritorno, ma sono convinto che nel computo del doppio confronto avremmo meritato la qualificazione". Inevitabile soffermarsi sulla vittoria in finale di Coppa Italia contro la Juventus, lo scorso maggio: "Essere riusciti a battere una squadra che non ha mai fallito i grandi appuntamenti - commenta Mazzarri - è un risultato di assoluto prestigio. E' stato un premio alla qualità del nostro lavoro ed ai sacrifici compiuti dalla squadra. Abbiamo regalato ai nostri tifosi una gioia importante ed un momento storico per la società".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata