Max Biaggi parla dopo l'incidente: "Periodo difficile, ma ora sto bene"
Il pilota racconta 25 anni di carriera e la battuta d'arresto in cui ha rischiato la vita

L'incidente è lontano, ma Max Biaggi ne sente ancora tutto il peso. Per la prima volta ne parla apertamente, tre mesi e mezzo dopo quel tragico 9 giugno.

Ai microfoni di Verissimo, il pilota racconta: “È stata una battuta d’arresto grande. L’infortunio è stato pesante, sono stato operato più volte e nessuno mi dava un chiaro segnale sul mio percorso”. “Non avevo sicurezze dai medici e mi sono sentito smarrito. Fortunatamente è andata bene”.

Sembrava una banale caduta che poi si è trasformata in un codice rosso. “Dopo 17 giorni d’ospedale dove ho lottato tra la vita e la morte - racconta Max Biaggi – mi sono sentito accudito e amato, soprattutto dalla mia famiglia e dalla mia compagna Bianca Atzei. È a lei che va il mio più profondo grazie”. E conclude: “Oggi ogni giorno è un regalo. Tra dieci anni mi vedo qui a Montecarlo, e spero di essere felice, anzi no, sereno, appagato e con tante cose da fare”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata