Marchisio carica la Juve: Vogliamo allungare prima della sosta

Torino, 14 dic. (LaPresse) - "Abbiamo raggiunto i primi due obiettivi, andando avanti in Champions e in Coppa italia, ma ora siamo concentrati sulle prossime gare di campionato. Ci aspettano Atalanta e Cagliari e anche se sulla carta potrebbero sembrare impegni semplici, vanno affrontati al massimo. In questo periodo si gioca su campi difficili, induriti dal freddo, lo si è visto anche l'altra sera in Coppa Italia. Quindi massima attenzione, perché vogliamo non solo mantenere il primato, ma se possibile allungare in classifica prima della sosta", così il centrocampista della Juventus, Claudio Marchisio, in occasione di un evento di solidarietà per raccogliere fondi a favore della 'Fondazione Crescere Insieme al Sant'Anna'.

"Vincere lo scorso anno ha aiutato tanto e siamo riusciti a esprimerci sempre su ottimi livelli anche avendo competizione in più da affrontare - ha aggiunto - Del resto la società ha lavorato anche per questo e noi siamo riusciti a evitare i problemi che capitano a ogni squadra in ogni stagione. Invece abbiamo fornito grandi prestazioni, specie in Champions, dove c'era il rischio di venire eliminati e invece abbiamo vinto il girone battendo Chelsea e Shakhtar".

Il giocatore bianconero ha parlato poi del tecnico Antonio Conte: "Non è facile trovarsi senza il proprio allenatore, dopo aver vinto insieme uno scudetto - ha proseguito - Ci è mancato soprattutto nell'intervallo, perché più di tutti è quello il momento in cui le squadre hanno bisogno di una guida. Siamo cresciuti anche senza di lui però e ora che l'abbiamo ritrovato potremo fare ancora meglio".

Infine una battuta sulle avversarie in campionato ed in Champions: "Le rivali più agguerrite? Ogni volta viene fuori un nome diverso. Quando l'abbiamo affrontata sembrava essere la Roma, poi il Napoli, quindi l'Inter. Sappiamo che dietro abbiamo squadre che possono puntare allo scudetto, ma in realtà noi dobbiamo guardare solo a noi stessi - ha concluso - la Champions? Lo scorso anno l'ha vinta il Chelsea. Non erano favoriti, ma potevano contare su un grande gruppo. Questa è anche la nostra forza. Forse qualche squadra ha più qualità di noi, ma se giocheremo con la stessa convinzione mostrata durante il girone, potremo dire la nostra".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata