Maradona è a Napoli. Legale: Vuole parlare con Napolitano

Roma, 25 feb. (LaPresse) - Diego Armando Maradona è atterrato in Italia. Il 'Pibe de Oro' è atterrato all'aeroporto di Fiumicino con un volo proveniente da Dubai. Ad accoglierlo, il suo legale Angelo Pisani, che ieri ha annunciato l'intenzione dell'argentino di chiarire la sua posizione con il Fisco italiano.

In serata è atteso in un programma televisivo, 'Azzurro sport'. Il grande giorno è però domani, quando nella sala Masaniello del vecchio tribunale di Napoli, Maradona farà un appello addirittura al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, perché venga interrotta quella che lui ritiene essere una persecuzione nei suoi confronti. La vicenda è quella nota di un accertamento fiscale di molti anni fa, al termine del quale furono richiesti a Maradona 6 milioni di euro. Maradona non si difese, e da allora sono maturati nei suoi confronti altri 34 milioni di euro di interessi. La stessa accusa fu mossa nei confronti del presidente del Napoli di allora, Corrado Ferlaino insieme ai giocatori Careca e Alemao, che però difendendosi sono stati scagionati. "Maradona è un uomo libero, ed i finanzieri non possono toccargli nemmeno un capello" spiega Pisani intervistato da LaPresse. "Maradona ritiene che il Fisco sia stato ingiusto con lui, e che lui sia un capro espiatorio" aggiunge Pisani, che difende in Italia l'ex numero 10 del Napoli dal 2010.

Nel pomeriggio il 'Pibe de Oro' è finalmente giunto nella sua Napoli. Al suo arrivo all'hotel Royal, nel capoluogo campano, ha trovato una folla di tifosi ad acclamarlo e ad intonare cori in suo onore. Maradona "ci svelerà il motivo per cui ha deciso di tornare", ha spiegato il suo legale ai microfoni di Radio Crc, nella trasmissione 'Si gonfia la rete'. Pisani ha ribadito che l'argentino "vuole parlare con il presidente della Repubblica affinché capisca la sua innocenza perché l'accertamento fiscale è nullo e se non esiste per Careca e Alemao non esiste nemmeno per lui". "Fiamme gialle ad aspettare Maradona? Non credo perché non c'è nessun provvedimento esecutivo nei confronti di Maradona", prosegue l'avvocato, che chiarisce ancora: "Abbiamo chiesto noi un incontro con Equitalia perché Diego vuole dimostrare che può circolare a Napoli". Il legale ha evidenziato l'intenzione di portarlo dal sindaco De Magistris: "Si affaccerà dal Palazzo San Giacomo", annuncia Pisani.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata