Magnini difende Fede: Priorità allenarsi bene, non stare vicino a me

Torino, 13 dic. (LaPresse) - "Le parole di Bonifacenti sono sbagliate, la priorità di Federica è allenarsi bene e non stare insieme a me". Anche Filippo Magnini interviene nello scontro a distanza tra la campionessa veneta sua fidanzata, e l'ormai ex tecnico di lei, Federico Bonifacenti. La Pellegrini aveva imputato a quest'ultimo le maggiori colpe per il deludente risultato ottenuto nella finale dei 400 stile libero agli Europei di Stettino, puntando il dito sulla cattiva preparazione. Parole che di fatto sancivano la rottura con Bonifacenti, che in tutta risposta difendeva il suo lavoro, citando tra le cause del pessimo rapporto la scelta di Federica di allenarsi a Roma per stare più vicina al fidanzato Magnini. Puntualmente ieri sera la Pellegrini rispondeva duramente all'ex tecnico accusandolo di dire falsità.

Filippo Magnini è intervenuto sulla questione prendendo ovviamente la difesa della fidanzata. "Un atleta discute con l'allenatore per capire la strada giusta e se quest'ultimo mette una sorta di muro, il problema è dell'allenatore", dice il nuotatore pesarese ai microfoni di Sky Sport. "Ovvio che Fede in primis sarebbe stata contenta di allenarsi a Verona con Bonifacenti. Ma giustamente, quando vedi che le sensazioni in acqua non sono buone, quando vedi l'allenatore dirti di sì e poi che se ne frega...".

"Federica - prosegue l'azzurro - si è messa nelle sue mani, ha avuto fiducia, ha aspettato la prima gara ma il risultato è stato quello che si aspettava. L'allenamento non è stato fatto nella maniera giusta. Certo, non giudico le tecniche di Bonifacenti: ma si vedeva che Fede non era preparata".

Il deludente risultato della campionessa veneta non preoccupa Magnini in vista delle prossime Olimpiadi: "Per Londra non ci sono problemi, molti atleti se la prendono con calma nella prima parte della stagione per arrivare in forma nella seconda parte dell'anno".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata