Luis Enrique: Contro Lecce dobbiamo avere fame di vittoria

Roma, 19 nov. (LaPresse) - "Mi dispiace moltissimo per Burdisso, ma sono cose che succedono purtroppo, ed è un peccato per la squadra di cui è un leader. Ma siamo pronti per andare avanti con il resto del gruppo. Gli auguro di riprendersi al più presto". Il tecnico della Roma Luis Enrique inizia la sua conferenza stampa di presentazione della sfida di domani con il Lecce dedicando un pensiero al difensore argentino, infortunatosi gravemente al ginocchio sinistro. "Sostituti? Questa è una rosa ampia", assicura l'allenatore spagnolo. "Siamo pronti per affrontare la situazione, una società come la Roma guarda sempre al mercato per vedere cosa può succedere. Ma sono tranquillo - si definisce Luis Enrique - il mio lavoro è migliorare questa squadra".

Con il Lecce "aspetto una partita difficile. Se se non avremo la fame di vittoria soffriremo tantissimo", così Luis Enrique, presentando i salentini, descritti come "squadra pericolosa e con giocatori interessanti" anche se "hanno solo 8 punti". Al mister spagnolo viene chiesto cosa si aspetta dalla squadra da qui a Natale: "Ora, tre punti contro il Lecce. Abbbiamo fatto qualche buona partita, ma dobbiamo ancora migliorare tantissimo. Non guardo alle prossime due settimane", sottolinea Luis Enrique.

Totti "è recuperato e fisicamente sta bene. E' una fortuna per noi recuperarlo, se non ci saranno problemi sarà inserito nella lista", dice in merito alle condizioni del capitano giallorosso. Allo spagnolo viene chiesto se il 'Pupone' e Lamela possono coesistere e chi dei due veda più come attaccante: "Tutte e due le situazioni sono possibili. A Novara, Lamela ha giocato come punta, Totti lo ha fatto tante volte. Credo che la posizione naturale di Francesco sia quella del trequartista ma sono dell'idea che tutte e due possono giocare insieme", questo il pensiero del mister giallorosso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata