Lotito: Tavecchio ha dimostrato che fatti contano più di parole

Roma, 11 ago. (LaPresse) - "Tavecchio ha dimostrato che contano più i fatti delle parole. Io non sono stato regista di nulla, ho sostenuto l'attuazione di un programma che è stato condiviso all'unanimità dalla Lega e recepito dalle altre leghe. Con coerenza lo ha portato avanti fino ad oggi e i fatti ci hanno dato ragione". Lo dice il presidente della Lazio, Claudio Lotito, dopo l'elezione di Carlo Tavecchio a numero uno della Figc. "Io suo tutor? Queste sono invenzioni - aggiunge - Tavecchio non ha bisogno di tutele. E' una persona che è nelle condizioni di poter decidere autononamente, il suo curriculum parla da solo ed ha dimostrato con infatti cosa è capace di fare. La Lega Dilettanti l'ha trasformata e resa competitiva. Ritengo che possa fare cose importanti ancfhe in Figc".

Lotito parla poi del discorso relativo al prossimo commissario tecnico della società: "E' un problema che verrà risolto la prossima settimana - dice - è stato eletto adesso dategli tempo di fare una scelta. Il presidente della Lazio smentisce poi un litigio con il patron della Juventus Andrea Agnelli: "Non c'è stato nessun litigio né nulla, c'è un rapporto di rispetto e considerazione - dice - c'è un rapporto di rispetto e considerazione. C'è stata condivisione sul programma non sulla persona. Il risultato elettorale ha premiato Tavecchio ed all'interno di un'associazione ci sono posizioni di maggioranza e minoranza. Chi è in minoranza deve farsene una ragione. Ma non devono esserci vincitori o vinti. Da lunedì in poi - aggiunge Lotito - deve esserci compartecipazione a un progetto di cambiamento che penso sia quello che vogliono tutti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata