Lotito: Stiamo allestendo Lazio più competitiva. Deferimento non può essere imputato a noi

Taormina (Messina), 14 lug. (LaPresse) - "Sicuramente stiamo tentando di allestire una squadra più competitiva dello scorso anno. Sulla base di questo vogliamo creare un clima di contrazione e di unità d'intenti per migliorare i risultati della passata stagione". Il presidente della Lazio Claudio Lotito da Taormina, dove si trovava ospite del presidente del Catania Antonino Pulvirenti, ha fatto il punto sul mercato dei biancocelesti. "Non c'è nessuna trattativa in corso con il Genoa - ha rivelato il numero uno della Lazio - Noi abbiamo una squadra che può essere perfezionata ma non stravolta. Bisogna capire quelle che possono essere le necessità. Candreva? E' un giocatore sul quale puntiamo, così come sul ringiovanimento nella rosa sul presupposto che dobbiamo proiettare questa squadra nel futuro e non solo sull'immediato". Il presidente ha smentito invece un interesse per Alessandro Matri. "Non è un giocatore che abbiamo trattato - ammette Lotito - Non è un nostro obiettivo. Bisogna integrare la rosa con giocatori che possano dare un valore aggiunto al tasso tecnico e quello di unione del gruppo e di determinazione. Le partite si vincono con la certezza di avere un gruppo determinato, granitico e volitivo".

"Sicuramente la Juventus ha allestito una squadra altamente competitiva, mi auguro che non lo dimostri nella partita del 18 agosto". E' chiaro il riferimento di Claudio Lotito alla partita di Supercoppa Italiana in programma tra la Lazio e la società bianconero. "Abbiamo certe urgenze, serve una squadra pronta per il 18 - ha aggiunto il presidente della società biancoceleste - giochiamo con la Juve, vedremo quello che saremo in grado di dimostrare sul campo. Affronteremo una squadra dotata, che ha tutti i pronostici a suo favore. Speriamo di dimostrare il nostro valore".

"La Lazio subisce un deferimento per responsabilità oggettiva su fatti che non possono essere imputati alla società. Il giocatore ha una doppia vita, una calcistica e una non. Qualsiasi attività viene fatta al di fuori dell'orario di lavoro non può essere imputata alla società. La responsabilità oggettiva va rivista". Questa la posizione della Lazio espressa dal suo presidente Claudio Lotito in merito all'inchiesta calcioscommesse condotta dalla Procura di Cremona. La società biancoceleste è stata deferita dalla Procura Federale per responsabilità oggettiva. "Stefano Mauri? Sarà in grado di poter dimostrare la sua posizione nelle sedi di giudizio. Noi vogliamo che questo giudizio sportivo sia in linea con quelli effettuati nello scorso anno. Io spero che i fatti dimostrino che quelle considerazioni non corrispondano a verità". Così il presidente della Lazio Claudio Lotito ha commentato la posizione del capitano dei biancocelesti, deferito dalla Procura Federale per doppi illecito sportivo nell'ambito dell'inchiesta calcioscommesse condotta dalla Procura di Cremona.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata