Lazio, Pioli: Meritiamo finale Coppa Italia, mi aspetto gara difficile

Roma, 7 apr. (LaPresse) - "La partita di domani è importante. Abbiamo la possibilità di raggiungere il nostro obiettivo stagionale attraverso due strade: il Campionato e la Coppa Italia. La mia squadra ha sempre giocato bene, meritiamo la finale, ma dobbiamo dimostrarlo domani sera". Il tecnico della Lazio Stefano Pioli ha presentato così in conferenza stampa la semifinale di ritorno di Coppa Italia in programma domani sera al 'San Paolo' contro il Napoli. "All'andata volevamo un risultato diverso, sicuramente l'1-1 dà un vantaggio agli avversari, ma noi siamo consapevoli delle nostre qualità - ha proseguito l'allenatore dei biancocelesti tornando sulla partita d'andata - Mi aspetto una gara difficile, il Napoli è molto simile alla Lazio, è la squadra peggiore che ci potesse capitare ma sappiamo che siamo all'altezza e ce la vogliamo giocare. Sappiamo che dobbiamo segnare, abbiamo la consapevolezza di avere questa possibilità".

Per Pioli il Napoli "ha dei punti deboli, dobbiamo essere attenti, compatti e aggressivi sul portatore di palla avversario, dobbiamo essere concentrati per novantacinque minuti - ha sottolineato l'ex tecnico del Bologna - Turn over? Metterò in campo la squadra che ritengo possa mettere in difficoltà gli avversari. I giocatori sono tutti in condizione, la scelta sarà determinata dalle posizioni in campo che vogliamo prendere". Alla sua Lazio Pioli chiede di "stringere i denti, senza spaventarci. Gli avversari hanno qualità, non possiamo annullarli completamente - ha ammesso - Siamo sempre più consapevoli dei nostri valori. Dobbiamo superare i momenti difficili e trovare la zampata vincente. Siamo cresciuti in consapevolezze e nella gestione della gara. Siamo più intelligenti nel leggere le situazioni". La squadra potrà contare sul calore del proprio tifo alla partenza da Roma. "A Termini ci saranno i tifosi a spingere la squadra, ci fa piacere, non saranno con noi domani sera fisicamente, ma per noi ci saranno lo stesso - ha concluso - Insieme siamo più forti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata