L'Inter non si ferma più: Parma travolto 5-0

Milano, 7 gen. (LaPresse) - L'Inter continua la sua marcia anche nell'anno nuovo: i nerazzurri calano la cinquina al Parma nel secondo anticipo della 17esima giornata ponendo un altro tassello importante nella rimonta scudetto. Ranieri brinda al 2012 mettendo in archivio la quinta vittoria consecutiva e godendosi un Milito ritornato 'Principe'. E' proprio l'argentino a sbloccare il risultato al 14', deviando in rete un cross basso di Alvarez. Il raddoppio nerazzurro non si fa attendere: sinistro da venti metri di Thiago Motta ed al 19' è già 2-0 per i padroni di casa.

Giovinco è l'unico che prova a stuzzicare la retroguardia interista: prima di testa su cross di Biabiany: palla fuori. Quindi su punizione, ma Julio Cesar salva in corner. Ancora il fantasista dei ducali serve Biabiany che crossa dalla destra per il colpo di testa di Modesto, senza esito. Poco prima dell'intervallo ancora Milito scrive il suo nome sul tabellino: traversone al bacio di Maicon dalla destra, colpo di testa dell'ex attaccante del Genoa e partita virtualmente conclusa. Nella ripresa il copione non cambia, con l'Inter impegnata a conservare il risultato. Al 12' c'è gloria anche per Pazzini, autore del poker nerazzurro su suggerimento di Milito. Il Parma prova a salvare l'onore alla mezz'ora con un gran destro di Gobbi, ma Julio Cesar respinge. Alla festa interista si aggrega anche il giovane Faraoni, che a dieci minuti dalla fine trova un gran destro da 20 metri: il primo gol in Serie A dell'esterno vale la 'manita' nerazzurra.

INTER-PARMA 5-0

Marcatori: pt 13' Milito, 18' Motta, 41' Milito, st 11' Pazzini, 34' Faraoni.

Inter: Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Zanetti, Thiago Motta, Cambiasso (st 13' Poli); Alvarez (st 27' Coutinho); Pazzini, Milito (st 31' Faraoni). All. Ranieri.

Parma: Mirante; Zaccardo, Paletta, Brandao, Gobbi; Biabiany, Morrone (st 15' Pereyra), Galloppa (st 23' Musacci), Modesto (st 10' Pellé); Giovinco, Floccari. All. Colomba.

Arbitro: Giannoccaro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata