Karate, Premier League: Stea a caccia del bronzo nel kata a Rabat | Live
Nella giornata conclusiva solo un italiano in finale per le medaglie. Ragazze di bronzo nel kata a squadre, già eliminati tutti gli azzurri del kumite. Domenica ricca di spettacolo sul tatami marocchino

Samuel Stea sarà l'unico italiano a combattere per una medaglia nella giornata conclusiva della tappa di Rabat della Premier League, il più importante torneo di karate del mondo (in diretta dalle 11.00 su Lapresse.it). L'azzurro sfiderà il turco Yakan Mehmet per il 3° posto del kata, il combattimento simulato contro avversari immaginari. Una tappa con poche gioie per l'Italia che, finora, ha conquistato un solo bronzo, nel kata a squadre femminile, con Sara Battaglia, Michela Pezzetti e Terryana D'Onofrio. Va detto che la nazionale aveva deciso di non partecipare all'appuntamento di Rabat per dare riposo agli atleti, in vista degli Europei, e i 23 italiani in gara erano iscritti con i club o gruppi sportivi di appartenenza.

Nel venerdì di gare il risultato migliore è quello di Battaglia, nel kata femminile, sconfitta prima in finale di pool, poi nell'ultimo incontro della fase di ripescaggio. La karateka si è rifatta, però, nella seconda giornata con la conquista del terzo posto a squadre: assieme a Pezzetti e D'Onofrio ha battuto 5-0 il Camerun, prima di arrendersi al Marocco, per 3-2, in semifinale. Tra gli uomini del kata, dopo la bella prova di Rotterdam, si salva solo Stea. Sconfitto nel terzo turno, per 3-2, dal turco Ali Sofuoglu, numero 5 al mondo e vice campione europeo, l'italiano ha vinto tutti e tre gli incontri della fase di ripescaggio e affronterà Mehmet, anche lui sconfitto da Sofuoglu. Già conclusa la spedizione del kumite, il combattimento vero e proprio, con i soli Andrea Minardi (-75kg), Francesco D'Onofrio (-67kg) e Samuele Marchese (-60kg) arrivati al terzo turno.

Nonostante l'assenza di italiani in lotta per le medaglie d'oro e d'argento, la terza giornata di Rabat promette tanto spettacolo con delle sfide di altissimo livello. Tra le donne, nel kumite -50kg, da segnalare le due finali per il bronzo Bettina Plank - Alexandra Recchia e Ayaka Tadano - Serap Ozcelik Arapoglu, atlete plurimedagliate a livello mondiale e continentale, e, nel kata, la sfida per l'oro tra la grand winner della Premier League 2017, Sandra Sanchez, e Lau Mo Sheung Grace, più volte a podio nella competizione. Nelle categorie maschili spiccano la finale per il primo posto dei -75kg, in cui combatterà l'azero Ragael Aghayev, uno dei più forti e titolati al mondo, e il derby egiziano per l'oro nei -84kg tra Ahmed Elmazry, che ha debuttato quest'anno in Premier League ma è già alla terza finale, e Mohamed Elkotoby.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata