Kakà ci crede: Milan in Europa e io al Mondiale con il Brasile

Milano, 24 feb. (LaPresse) - "Le cose stanno cambiando, i risultati arrivano e possiamo risalire. Seedorf è bravissimo, io darò tutto per essere tra i convocati del Brasile per il Mondiale". Si possono sintetizzare così le parole di Ricardo Kakà a margine delle sfilate di Armani a Milano, dove è stato ospite in compagnia della moglie. "L'Europa? Io ci credo, ma pensiamo un passo alla volta. Ore le cosa stanno cambiando - ha detto il brasiliano a gazzetta tv - riusciamo a giocare delle belle partite e i risultati arrivano. Se le cose vanno bene in campo poi i risultati poi arrivano e possiamo anche andare in Europa". Sulle chance di andare ai Mondiali con il suo Brasile, Kakà non ha ancora perso la speranza: "Io penso a giocare bene con il Milan, di crescere ogni partita e poi il 5 maggio quando ci saranno le convocazioni vediamo se c'è il mio nome. Io ora devo fare solo il mio dovere".

Sul difficile inserimento del giapponese Honda, Kakà invita ad avere fiducia: "Ci vuole tempo e pazienza, arriva dal calcio russo che è diverso da quello italiano che è più tattico. Diamogli tempo perchè è un bravo giocatore". Fiducia e soddisfazione anche per il lavoro svolto fin qui dal neo tecnico del Milan Clarence Seedorf, ex compagno di squadra dello stesso Kakà: "Seedorf mi piace, è bravissimo. Ha la sua filosofia di lavoro e mi piace. Nelle ultime partite abbiamo già raccolto i frutti di quello che sta facendo Clarence con la squadra". Infine sui successi di Pippo Inzaghi con la Primavera e se in futuro anche lui farà l'allenatore: "E' bello vedere tanti miei ex compagni fare l'allenatore. Sono contento per Pippo e anche per Clarence. Ma io oggi non mi vedo come allenatore, nel futuro choi lo sa".

amr

241641 Feb 2014

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata