Juventus, incetta di premi al Gran Galà Aic. Agnelli punge Conte: E' un po' permaloso

Milano, 15 dic. (LaPresse) - "Un difetto di Conte? Forse è un po' permaloso quando gli si dice che qualcosa non va come la vorrebbe esattamente lui". Il presidente della Juventus Andrea Agnelli intervenuto al Gran Galà del calcio Aic nel corso del 'Processo del lunedì' su Rai Sport 1 ha punzecchiato il suo ex tecnico Antonio Conte, premiato come miglior tecnico per la passata stagione. "Un pregio sicuramente è la tenacia, la costante ricerca della vittoria", ha aggiunto il numero uno del club bianconero, sul palco in rappresentanza della Juventus, eletta miglior squadra. Nei confronti di Conte sono arrivate belle parole invece da parte del presidente della Figc Carlo Tavecchio. "Io ho visto solo pregi, di fatti l'ho scelto subito - ha evidenziato - In sei partite sono arrivate cinque vittorie e un pareggio, meglio di così...".

CONTE - "Non siamo riusciti ad andare alla Juventus, ma i rapporti sono normali", ha assicurato Conte qualche minuto dopo terminata la cerimonia del Gran Galà dell'Aic nel 'Processo del lunedì'. "Noi abbiamo dato massima disponibilità - ha aggiunto l'ex tecnico della Juve - Penso che nel nuovo anno verrà fatta visita a Vinovo, mancano anche Cesena, Parma e Sassuolo per poi arrivare alla Juventus nell'anno nuovo. E' anche la squadra più impegnata in questo finale di stagione". Parlando del sorteggio di Champions League che vedrà i bianconeri confrontarsi con il Borussia Dortmund, Conte ha evidenziato che "sarà una bella partita, è stato un buon sorteggio, si affrontano due squadre organizzate - ha sottolineato - Loro stranamente stanno andando male in campionato, però in Champions si sono qualificati con due turni d'anticipo. La Juve d'altronde sta ribadendo la sua importanza in campionato, sarà una bella sfida e mi auguro da italiano che la Juventus sia favorita", ha concluso.

AGNELLI - "Non si sceglie mai. La Juve ambisce a vincere ogni manifestazione a cui partecipa", ha aggiunto il presidente della Juventus Andrea Agnelli in merito ai traguardi stagionali del club bianconero. "Questo deve rimanere impresso nella mente di tutti, dallo staff ai giocatori - ha proseguito - Non ci piace scegliere, vogliamo ottenere il massimo ovunque". Parlando del campionato Agnelli ha aggiunto che "l'obiettivo è uno e unico, vincere è nel dna della Juve - ha concluso - Vincere con 102 punti o con uno in più della seconda è sufficiente".

I PREMI PER LA JUVE - Nel corso della serata il club bianconero ha ricevuto numerosi premi. Sono sette infatti i giocatori della Juventus inseriti nell'undici ideale del Gran Galà dell'Aic per la passata stagione: in porta Gianluigi Buffon, in difesa Kwadwo Asamoah, presente in stampelle nonostante l'infortunio, e Andrea Barzagli. A centrocampo il trio composto da Arturo Vidal, Andrea Pirlo (eletto anche giocatore dell'anno per la seconda volta consecutiva) e Paul Pogba. Carlos Tevez in attacco. Completano la top 11 l'ex difensore della Roma Mehdi Benatia, il terzino del Torino Matteo Darmian e gli attaccanti Gonzalo Higuain e Ciro Immobile, ora al Borussia Dortmund. Melania Gabbiadini, sorella di Manolo, è stata votata come miglior calciatrice mentre il premio del miglior arbitro è andato a Nicola Rizzoli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata