Juventus festeggia i 40 anni di Del Piero: Continuiamo a tifare per te

Torino, 9 nov. (LaPresse) - La Juventus fa gli auguri ad Alessandro Del Piero nel giorno del suo 40° compleanno. "Quando si compiono 40 anni, è normale guardarsi indietro. Sarà il potere di quel suffisso che cambia in 'anta', ma è quasi inevitabile fermarsi un attimo a ripensare a quanto fatto nella propria vita fino a quel momento", si legge nella nota pubblicata dal sito ufficiale del club bianconero. "Ci piace sapere che, se anche tu Alex oggi non riuscirai a farne a meno, nei tuoi pensieri, in molti di tuoi pensieri, ci sarà la Juve".

"Dopo tutto - prosegue la nota - di questi tuoi 40 anni ne abbiamo vissuti insieme quasi la metà: sei arrivato che a malapena ti radevi e forse quel 12 settembre del '93, quando contro il Foggia hai esordito in serie A, neanche te l'eri fatta, la barba. Potevi immaginare, quel giorno, cosa ti aspettava? Che ci avresti portato in cima all'Europa e al Mondo? Oggi, di sicuro, ripenserai a quel gol di Tokyo e forse anche all'infortunio di Udine. Ripenserai a quella rovesciata a San Siro, ma anche a quel pareggio a Rimini, due mesi dopo aver vinto il Mondiale. E poi al duetto con Boniperti e alla magia di quella sera di settembre, a quello scudetto vinto da imbattuti e a quell'applauso infinito che ti abbiamo tributato".

"Quando ci siamo rivisti quest'estate, dall'altra parte del mondo - si legge ancora - ti stavano applaudendo anche lì. Stavi salutando l'Australia, per iniziare una nuova avventura in India. Perché ricordare è bello, ma si deve guardare avanti. L'importante è continuare a farlo con stile, classe, professionalità. Tutte cose che non si insegnano, né si imparano. Le hai e basta. E tu ne hai dato esempio, e continui a farlo, in ogni paese, in ogni stadio, ad ogni età. Lo fai oggi, magnifico quarantenne, così come lo facevi all'inizio della tua carriera, quando a 19 anni compiuti da pochi mesi segnasti la tua prima tripletta. Era il 1994, contro il Parma, ricordi? Ci giochiamo contro tra qualche ora e sappiamo che, quando scenderemo in campo, starai tifando per noi". "E allora - conclude la nota - ci è sembrato che rivedere insieme le tue prodezze di quel pomeriggio di marzo, risentire le tue parole dopo la partita, fosse un giusto omaggio per il tuo compleanno e il modo migliore per farti sapere che anche noi continuiamo a tifare per te. Auguri Alex!".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata