Juventus, Allegri: Vinta partita importante, contento per i ragazzi

Empoli (Firenze), 1 nov. (LaPresse) - "Abbiamo vinto una partita importante, soprattutto dopo il risultato di oggi della Roma, e quindi sono contento per i ragazzi". Il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri è soddisfatto dopo il successo ottenuto contro l'Empoli (2-0) che rilancia i bianconeri in vetta al campionato. "Sapevamo che avremmo potuto incontrare delle difficoltà nel primo tempo perché l'Empoli è una squadra molto frizzante e ben organizzata, che gioca un buon calcio - ha evidenziato ai microfoni di Sky Sport - Nel primo tempo non riuscivamo ad essere bravi soprattutto nella costruzione dell'azione, eravamo un po' troppo fermi e spesso affrettavamo troppo la giocata. Nel secondo tempo siamo stati più lucidi, loro sono un po' calati e noi abbiamo aumentato il ritmo".

Per la prima volta in stagione Allegri ha puntato sulla coppia d'attacco composta da Giovinco e Morata. "Giovinco ha fatto una buona partita, è andato due-tre volte al tiro, si è mosso bene. Con Morata, era la prima volta che giocavano insieme, però non posso far giocare sempre gli stessi, ogni tanto c'è bisogno anche di fare un po' rifiatare quelli che si chiamano 'titolari' e davanti hanno lavorato bene - ha evidenziato l'allenatore toscano - Attraverso queste partite e queste vittorie si migliora la classifica, ma soprattutto quelli che fino a questo momento hanno giocato meno trovano la condizione e l'intesa". In vista della Champions League preoccupano le condizioni di Asamoah e Ogbonna. "Troveremo il modo di giocare anche martedì con i difensori, qualcosa faremo. Asamoah ha un risentimento al ginocchio dolorante, ma credo non sia niente di particolare - ha proseguito Allegri - Ogbonna invece ha preso la classica 'vecchietta' che sicuramente gli dà molto fastidio e vedremo se per martedì sarà a disposizione, però c'è Lichtsteiner che oggi ha giocato nel ruolo un po' inedito di terzo difensore centrale, ha fatto discretamente bene e quindi vediamo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata