Juve, Lichtsteiner: Sorteggio Champions? Da evitare Bayern e Real. Samp osso duro

Torino, 11 dic. (LaPresse) - "Andare agli ottavi di Champions League era un obbligo per noi. Ci sono 3-4 squadre difficili da affrontare, ma vedremo. Da evitare sicuramente Bayern e Real Madrid". Lo ha detto Stephan Lichtsteiner, difensore della Juventus, ospite negli studi di JTv per il tradizionale 'Filo diretto' con i tifosi. Il terzino svizzero è già concentrato sulla sfida di domenica contro la Sampdoria rivelazione: "E' una squadra davvero forte, molto solida e con un allenatore che mi piace molto. Sarà una gara molto difficile, dobbiamo stare all'erta". Prima della sosta natalizia, però, la Juve ha un altro obiettivo: la Supercoppa contro il Napoli. "Ci proviamo. La vedo bene, siamo forti ma lo è anche il Napoli. Siamo preparati", ha detto Lichsteiner il cui sogno nel cassetto è "vincere la Champions con questa maglia sarebbe il sogno più grande".

Lichtsteiner è ormai uno dei veterani e punti fermi della squadra, con la sua grinta incarna alla perfezione il 'concetto' di juventinità: "E' vincere, ma anche una grandissima famiglia. Qui a Torino c'è un grande amore per il calcio". Per quanto riguarda i compagni di squadra, l'esterno elvetico risponda a due domande su Pogba e Llorente. "Pogba alla sua età è un giocatore fantastico, ma sono tanti in squadra che mi impressionano ogni giorno. Con Llorente c'è una grande intesa anche fuori dal campo: in partita va bene ma proviamo sempre a migliorare". Juve che quest'anno ha cambiato modulo passando alla difesa a quattro. "Preferisco il modulo a 4 dietro, è un po' più facile per me, ma so adattarmi ad ogni schema. Per noi è più facile quando una squadra ci affronta a viso aperto, rispetto a quelle che si chiudono", ha spiegato. Un valore aggiunto per i bianconeri è sicuramente lo Stadium che "ti dà quella forza in più per fare grandi cose. Voglio fare la storia vincendo". Infine le ultime domande dei tifosi vanno sul personale, a partire dal suo idolo calcistico: "Uno dei miei idoli calcistici? Sicuramente Cafu che giocava a destra come me". Per chiudere la classica domanda sul tempo libero: "Mi piace il tennis ma cerco di stare il più possibile con la famiglia e le mie due bimbe".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata