Juve, Conte sposa Elisabetta a Torino: tra invitati Agnelli e Moggi

Torinio, 10 giu. (LaPresse) - Dopo un anno di successi con la Juventus, Antonio Conte ha coronato anche il suo sogno d'amore e ha sposato a Torino Elisabetta Muscarello, la coppia ha una bambina di tre anni di nome Vittoria. Folla di curiosi e tifosi all'esterno della chiesa dei Santi Angeli Custodi di Torino. Dopo il rito religioso, il ricevimento di nozze si svolgerà alla Reggia di Venaria. Presenti le massime cariche della Juventus, dal presidente Andrea Agnelli al direttore generale Beppe Marotta. Tra gli invitati anche gli ex dirigenti juventini Luciano Moggi e Antonio Giraudo. Conte è arrivato circa 45 minuti prima della futura moglie, accompagnato dalla madre. Il tecnico bianconero ha salutato la folla di astanti prima di incamminarsi verso il sagrato della chiesa

Elisabetta è invece arrivata accompagnata dalla piccola Vittoria. Tra gli invitati, Andrea Agnelli era accompagnato dalla moglie. Con le rispettive consorti anche Giraudo e Moggi (applaudito dalla folla radunatasi dinanzi alla chiesa, ndr). Dell'attuale staff tecnico bianconero presente Massimo Carrera. In chiesa anche gli ex compagni di squadra di Conte, Gianluca Pessotto e Ciro Ferrara. Accompagnato dalla nipote, presente alla cerimonia il presidente onorario della Juventus Giampiero Boniperti. Presente anche l'ex preparatore atletico della Juventus, ora all'Ajaccio con Ravanelli, Giampiero Ventrone.

Intorno alle 18.10 Conte ed Elisabetta sono usciti dalla chiesa accolti da circa 200 persone che si erano radunate all'esterno. All'uscita gli invitati hanno lanciato petali di rosa bianca per salutare la coppia di novelli sposi. Alcuni tifosi hanno mostrato uno striscione con su scritto: 'Conte, mister da 30 e lode'. L'allenatore della Juventus, vestito con un completo grigio scuro è entrato poi sulla Masarati quattro porte grigia in compagnia della sua sposa e si è allontanato salutato dalla folla. Tra gli invitati personalità del mondo sportivo e non solo. Erano presenti anche Eugenio Fascetti, Giorgio Perinetti, Massimo Giletti, l'assessore regionale alla Cultura Michele Coppola. Tra i giocatori l'unico presente della Juventus era Marco Storari, c'era anche l'ex granata Gianluca Comotto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata