Juve batte Cagliari in rimonta 3-1, decisivo Matri

Parma, 21 dic. (LaPresse) - La Juve trova tre punti fondamentali nella lotta scudetto superando per 3-1 il Cagliari sul neutro di Parma. Partita pazza iniziata meglio dai sardi e ribaltata dalla Juve con una grande ripresa dove, fra le altre cose, la squadra di Conte ha anche fallito un calcio di rigore con Vidal. Alla fine comunque i campioni d'Italia possono festeggiare la vittoria ed il grande distacco sulle avversarie che, in attesa della gara dell'Inter contro il Genoa, sale a dieci punti. Grande prova di Matri che entra nella ripresa e cambia la gara con una doppietta. Grazie a questo risultato la Juve sigla con 94 il record di punti in un anno solare. Il precedente primato era sempre dei bianconeri nel 2005 quando in panchina c'era Fabio Capello con 93.

E' il Cagliari ad avere il miglior approccio alla gara rispetto alla Juventus. I sardi coronano i loro sforzi al 16' quando Pinilla trasforma un rigore concesso da Damato per atterramento in area di Sau da parte di Vidal. Lo svantaggio sveglia la Juve che prova a prendere in mano la gara. Al 17' Quagliarella manca per un soffio la deviazione da pochi passi su cross di Asamoah. Al 32' è ancora l'attaccante napoletano a provare la grande conclusione al volo su lancio di Bonucci ma non inquadra la porta. Al 38' poi sono i bianconeri a reclamare un rigore per trattenuta in area di Astori sul solito Quagliarella. Damato lascia correre ma gli estremi per la massima punizione sembrano esserci. La frazione si conclude con un tiro di Pirlo al 43' bloccato da Agazzi.

Ad inizio ripresa la Juve cambia marcia. Al 2' Agazzi para un tiro da fuori di Marchisio. Al 18'invece arriva un altro episodio da moviola: Bonucci di testa timbra la traversa, Agazzi respinge in maniera fenomenale la successiva conclusione di Matri poi Asamoah non trova la porta di testa da pochia passi. Il ghanese però è spinto nettamente alle spalle da Nainggolan ma Damato lascia correre. Un minuto dopo i sardi restano in dieci. Ad andare in anticipo sotto la doccia è Astori espulso per doppia ammonizione. Al 27' Del Fabbro stende Giovinco in area. Questa volta il rigore viene concesso ma Vidal conclude altissimo. Il pareggio bianconero è comunque nell'aria ed arriva al 29'. Tiro di Vucinic respinto da Agazzi, il più veloce ad avventarsi sul pallone è Matri che sigla l'1-1. Al 35' il Cagliari resta praticamente in nove perché Ekdal zoppica causa crampi e non ci sono più sostituzioni disponibili per i rossoblù. La Juve cinge d'assedio i sardi ed al 43' Agazzi è prodigioso nel deviare sul palo un colpo di testa di Asamoah. I gol vittoria arrivano nel recupero. Al 48' Nenè rinvia addosso a Vidal, il rimpallo favorisce Matri che fredda Agazzi. Il Cagliari protesta per un fallo di mano del cileno ma l'arto è attaccato al corpo. Al 49' il definitivo 3-1 ad opera di Vucinic su suggerimento di Giovinco.

CAGLIARI - JUVENTUS 1-3

Reti: 16'pt rigore Pinilla, 29'st Matri, 47'st Matri.

Cagliari: Agazzi, Pisano, Astori, Ariaudo, Murru (7'st Perico), Dessena, Nainggolan, Ekdal, Thiago Ribeiro, Pinilla (30'st Nené), Sau (21'st Del Fabbro). All: Pulga.

Juventus: Buffon, Barzagli, Bonucci, Caceres (17'st Padoin), Lichtsteiner (28'st Vucinic), Vidal, Pirlo, Asamoah, Quagliarella (15'st Matri), Giovinco. All: Conte.

Arbitro: Damato

Note: 19'st espulsi Astori e Pulga.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata