Juve, Allegri: Bene la vittoria, ma dobbiamo migliorare ancora

Verona, 30 ago. (LaPresse) - "Non ero arrabbiato, ma preoccupato per le troppe occasioni fallite. La partita era ancora aperta e Buffon è stato straordinario. Poco prima prima però avevamo avuto l'occasione per chiudere la partita". Così Massimiliano Allegri ai microfoni di Sky Sport commenta la vittoria della Juventus contro il Chievo. "La squadra ha gestito bene la palla, ma dobbiamo migliorare. A volta ci siamo chiusi troppo e dobbiamo essere più offensivi. Era però importante vincere la prima partita, ora c'è la sosta poi recuperemo quasi tutti i giocatori, questa è una cosa positiva", ha aggiunto il tecnico bianconero. Allegri ha parlato anche del baby Coman, ottimo al debutto: "Ha giocato come un veterano, ha bei movimenti e ha giocato una partita di personalità. Ora però lasciamolo crescere".

Sulla decisione di schierare la difesa a tre, riproponendo il modulo di 'contiana memoria', Allegri ha detto: "La squadra ha lavorato bene a quattro in allenamento. Nel Tim abbiamo fatto una prova positiva, con il Milan abbiamo preso un tiro su un mezzo fallo in area. Oggi abbiamo lavorato in base alle caratteristiche del Chievo, poi qualche guaio fisico e altro abbiamo scelto un sistema collaudato. C'è da migliorare, ma i ragazzi sono stati molto bravi in certi frangenti".

Buona la prova di Claudio Marchisio come vice Pirlo: "Bene. Nel finale è stato molto bravo nel prendere un cross rasoterra quando Ogbonna era stato saltato. Magari deve farsi meno schiacchiare quando ha palla nelle linee di campo, ma ci lavoreremo". Infine sulla griglia di partenza per il campionato: "Non abbiamo crediti, lo ribadisco. Bisognava vincere. La Roma è forte, così come l'Inter. Il Milan ha preso Torres, la Lazio è una buona squadra, il Napoli di certo non è svalutato per aver perso a Bilbao in Champions. Poi la Fiorentina ha recuperato uomini importanti. Ci sarà da lottare, anche noi puntiamo a recuperare uomini e oggi contava vincere. L'abbiamo fatto, bene così".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata