Juve, Agnelli tuona: Riforme per rilanciare calcio italiano e colmare divario con top club

Torino, 2 ott. (LaPresse) - "Le sfide che dovremo affrontare nei prossimi anni sono tuttavia ancora più impegnative. Se in Italia, infatti, il ritorno alla competitività è sancito da questo bilancio e da una striscia storica di tre scudetti consecutivi, i fondamentali economici dei competitor internazionali ci mettono di fronte ad una realtà evidente: il gap con i migliori club europei rimane elevato e il divario va ridotto per permetterci di aspirare a risultati in linea con la nostra storia internazionale". Lo ha detto Andrea Agnelli, presidente della Juventus, in una lunga lettera agli azionisti del club bianconero pubblicata sul sito internet della società. "Le donne e gli uomini della Juventus sono abituati ad affrontare le difficoltà, sul campo come in sede, profondendo il massimo impegno. E' una questione di cultura aziendale, che tutti preservano e alimentano con costanza", ha aggiunto il numero 1 di Corso Galileo Ferraris.

"Fin dall'inizio del mio mandato ho segnalato la necessità e l'urgenza di alcune riforme strutturali di 'sistema'. Tutto è cambiato nella gestione della Juventus, ma quasi nulla nel contesto nazionale di riferimento", ha detto ancora Agnelli. "Il profondo lavoro di rinnovamento interno trova, quindi, un limite formidabile nel mancato sviluppo complessivo del calcio italiano. Cambiare questo stato di cose è un'operazione complessa che ha i caratteri della massima urgenza per raggiungere gli obiettivi che ci prefissiamo. Il nostro calcio ha necessità di grandi misure di carattere domestico e di un nuovo slancio verso i mercati internazionali", ha aggiunto.

"Lo Juventus Stadium, di cui siamo fieri ed orgogliosi, rimane l'unico esempio di struttura sportiva all'avanguardia, in grado di rappresentare un modello di sicurezza e di offrire sia un'esperienza 'live' sia un'immagine televisiva di alto livello", ha proseguito il presidente della Juventus. "Esso, purtroppo, rappresenta solo un ventesimo del potenziale 'prodotto stadi' italiano - ha aggiunto - troppo poco affinché la gestione collettiva del calcio nazionale riesca a imprimere una decisa accelerazione. Lo sviluppo di nuove infrastrutture è il tema cruciale del prossimo quinquennio, durante il quale il calcio italiano dovrà saper scegliere tra competitività internazionale, sia sul campo sia nella diversificazione e nell'incremento dei ricavi, o marginalità, cui oggi pare condannato inesorabilmente".

"Il valore collettivo dei diritti televisivi della serie A e delle competizioni internazionali è in costante crescita, segnale evidente di un mercato che dimostra interesse per il calcio. Si tratta di un privilegio di cui possono godere pochissimi comparti industriali e che va tutelato", ha scritto Agnelli. "Nella ripartizione di questi proventi è necessario condividere un meccanismo in grado di riconoscere sia il valore dei grandi club, cui la Juventus appartiene, sia tutelare economicamente quelle società che, per disavventure di carattere sportivo, dovessero in futuro trovarsi ad essere escluse dalla serie A", ha aggiunto. "La mancata partecipazione alle coppe europee è oggi un incidente che colpisce le società di medie e grandi dimensioni - ha detto ancora Agnelli - ma la retrocessione dalla A alla B è un'evenienza che mette in discussione perfino la continuità e la sopravvivenza di qualunque club. In Lega di Serie A, pertanto, al momento della ripartizione dei diritti dovremo tutti responsabilmente tenere conto di questa situazione perché la sostenibilità del calcio italiano non sia messa in crisi ulteriormente". "Proprio la Lega di Serie A deve riappropriarsi del suo ruolo di leadership, riuscendo a proporre una revisione della governance di tutto il calcio italiano per fare piazza pulita di un livello di litigiosità e di scarsa trasparenza francamente oggi non più accettabile. I veti incrociati e i pesi elettorali, non equamente distribuiti, hanno portato prima all'interruzione e poi alla paralisi dello sviluppo che invece deve ripartire di slancio", ha scritto ancora Agnelli nella sua lettera.

"È necessaria un'ulteriore riduzione del numero di società professionistiche, accompagnato da una revisione della composizione delle rose, per garantire alle nazionali un adeguato rifornimento di giocatori convocabili. Sono priorità che andranno accompagnate da altre due importanti riforme con un unico comun denominatore: il talento", ha detto Agnelli. "La prima è un'adeguata politica dell'immigrazione, che sia rispettosa delle leggi dello Stato, ma anche dello sviluppo del sistema e dei diritti umani. Infine il tema delle seconde squadre, da preferire alle cosiddette 'multiproprietà', poiché già testato in molti paesi (Spagna, Olanda, Inghilterra) e poiché assicura una crescita dei talenti costante e armoniosa con un solido interscambio con la Prima Squadra. Una generazione di grandi calciatori italiani sta completando la sua carriera e il prossimo triennio dovrà farne crescere rapidamente una nuova, capace di raccoglierne il testimone", ha aggiunto. "Dal canto nostro, pensiamo che i prossimi anni saranno cruciali sia sotto il profilo sportivo sia per la sostenibilità del 'modello Juventus'. Il rinnovo dell'accordo con Jeep fino al 2021 - ha scritto Agnelli - la nuova partnership di sei anni con adidas, lo sviluppo immobiliare nell'area della Continassa che vedrà sorgere la nuova sede e il nuovo centro di allenamento della prima squadra, gli importanti investimenti nel settore giovanile, dalla riconversione in Academy del centro di Vinovo alla massima attenzione ai talenti emergenti, il continuo sviluppo dei digital media e la proficua partecipazione in seno agli organismi internazionali European Club Associations (ECA) e Union des Associations Europèennes Football (UEFA), ci dicono che la Juventus è ben posizionata per continuare nel suo percorso di sviluppo virtuoso in Italia, pur consapevoli di dover continuare a perseguire ogni attività, anche inesplorata".

"Per quanto riguarda l'espansione internazionale, le strutture della Juventus sanno che cruciale è l'internazionalizzazione del nostro brand", ha detto ancora Agnelli nella sua lunga lettera. "In primis, una costante competitività nelle coppe europee, sia in Champions League che in Europa League. Tuttavia per acquisire una reale dimensione sportiva e commerciale internazionale sono fondamentali alcuni fattori, purtroppo non tutti da noi direttamente controllabili. I limiti del sistema, cui accennavo prima, stanno già circoscrivendo alcune importanti opportunità di sviluppo", ha aggiunto.

"Sulla nostra strada, in questi quattro anni, abbiamo potuto avvalerci di grandi professionalità: Giuseppe Marotta e Aldo Mazzia rappresentano i vertici di questo club, che ha nei suoi organici persone di grande qualità, Fabio Paratici, Pavel Nedved e Francesco Calvo su tutti, che perseguono con tenacia gli obiettivi della società. Antonio Conte, cui va il ringraziamento di tutti, ha deciso per sé un nuovo percorso professionale. Il nostro impegno è oggi a sostegno di un nuovo allenatore: Massimiliano Allegri, un vincente, che ha già portato tra noi nuova passione e un nuovo desiderio di sfidare tutto e tutti", ha concluso Agnelli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata