Italia ricevuta in Quirinale da Napolitano. Buffon: Serve coesione

Roma, 15 nov. (LaPresse) - Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricevuto la nazionale italiana di calcio per celebrare i 150 anni dell'Unità d'Italia. Il capo dello Stato ha accolto la squadra del commissario tecnico Cesare Prandelli nel salone degli Specchi del palazzo del Quirinale. Questa sera gli azzurri scenderanno in campo all'Olimpico in amichevole contro l'Uruguay.

"Presidente, la gente ha bisogno dell'appoggio di una classe politica coesa, colta e responsabile. Da lei si sente rappresentata, come politico pulito e trasparente", ha detto Gigi Buffon. "Noi cercheremo di fare la nostra parte sul campo per onorare il nome dell'Italia".

Parole che sono state apprezzate dal capo dello Stato: "Credo che mai come nel corso di queste celebrazioni l'idea di Italia e la parola Italia hanno risuonato con tanta forza tra tanti italiani. C'è stato un grande impegno ad essere uniti e questo deve valere per tutti, al di là delle divisioni e della dialettica. Buffon ha fatto un magnifico discorso e ha fatto gol", ha detto Napolitano.

"Per voi della nazionale l'Italia è sempre stato l'unico riferimento - ha proseguito - Mai come quest'anno con la celebrazione dei 150 anni, la parola Italia è stata tanto celebrata, ci siamo riappropriati della nostra identità".

All'incontro ha preso parte anche il presidente del Coni, Gianni Petrucci, che ha definito Napolitano "il capitano ideale" per la candidatura olimpica di Roma 2020.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata