Inzaghi: Periodo Milan complicato, mi dispiace e capisco i tifosi

Milano, 15 feb. (LaPresse) - "E' un periodo complicato con tanti infortuni, ogni partita succede di tutto. Perdere dopo 30" un giocatore con il naso rotto è incredibile". Così Pippo Inzaghi, allenatore del Milan, commenta ai microfoni di Sky Sport il pareggio interno contro l'Empoli. "Era una partita complicata, l'Empoli mette tutti in difficoltà. Sono veramente bravi e non è un caso che hanno perso solo 2 partite su 15", ha aggiunto il tecnico rossonero. Parlando della partita. "Non ricordo grandi parate del nostro portiere e anche del loro, ma quando vai in vantaggio non puoi prendere un gol così. Con più attenzione si poteva vincere, ma è stata una partita sofferta e l'abbiamo portata a casa. Dispiace, volevamo i 3 punti ma dobbiamo recuperare giocatori e condizione", ha spiegato Inzaghi.

Un Inzaghi che prova comunque a guardare il bicchiere mezzo pieno: "Siamo in crescita, stiamo provando un nuovo sistema di gioco ma non riusciamo a dare continuità alla formazione. Ne non ho a disposizione i giocatori è però impossibile far giocare sempre gli stessi. Dobbiamo stringerci tutti insieme per migliorare". Per Inzaghi il Milan deve "lavorare sulla testa più che sulla condizione. Non è facile giocare a San Siro, capisco i tifosi. Dobbiamo cercare di vincere una partita e riparire. Ci prendiamo questo punto, visto che eravamo anche in nove, ma dobbiamo fare di più". Sulla prestazione di Destro: "E' stato molto bravo sulla combinazione tra Menez e Bonaventura. Abbiamo avuto 3-4 ripartenze nel secondo tempo che potevamo sfruttare meglio per fare il secondo gol". Infine sui fischi dei tifosi: "Loro sono come me, vogliono sempre di più. Ma noi dobbiamo lavorare e cercare di trasformare i fischi in applausi. Dobbiamo invertire questo ciclo negativo, ma ci vuole un po' di tempo e con la rosa al completo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata