Inzaghi: Milan poco cinico, manca qualcosa per salto di qualità

Genova, 7 dic. (LaPresse) - "Abbiamo avuto un paio di occasioni importanti all'inizio, se fossimo passati in vantaggio sarebbe stata un'altra partita. Il Genoa stava facendo una grande partita ma non era mai pericoloso se non su calci piazzati. Poi abbiamo fatto quest'ennesima ingenuità. Nella ripresa ci siamo un po' allungati". Così Pippo Inzaghi, commenta ai microfoni di Sky Sport la sconfitta del suo Milan contro il Genoa. "Facciamo i complimenti al Genoa, ma lo spirito è stato sempre il solito. Evidentemente nel momento in cui dobbiamo fare il salto ci manca ancora qualcosa", ha aggiunto il tecnico rossonero che ha poi sottolineato la prova di Montolivo: "Siamo contenti del recupero di un giocatore importante dopo tanti mesi. Ho voluto farlo partire dall'inizio perché volevo vedere la sua condizione, secondo me ha fatto una buona gara. Ha avuto un buon palleggio e non ha avuto paura. Ci darà una grossa mano". Sull'occasione fallita da Menez, Inzaghi ha aggiunto: "Non mi piace dare colpe o colpevoli. Dobbiamo cercare di giocare. Oggi sarebbe stato un salto di qualità importante anche per la nostra classifica, ma questo è un campo difficile".

Sulle prestazioni di Honda ed El Shaarawy, il tecnico ha dichiarato: "L'aggressività dei calciatori del Genoa e questo campo non ci permettevano il solito palleggio. Ma i ragazzi hanno dato tutto quello che avevano". Sugli obiettivo di questo Milan: "Sapevo che per ricostruire ci sarebbero stati alti e bassi. Oggi forse ci è mancato un po' di cinismo davanti alla porta. Questo è il calcio, forse questa squadra ha bisogno anche di partite così. Anche da sconfitte del genere si può trarre qualcosa di positivo per la nostra crescita". Infine sul dualismo Pazzini-Torres: "Con il Genoa molto chiuso, in quel momento mettendo dentro Pazzini pensavo di trovare l'inzuccata giusta".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata