Inter, Zanetti: Contro Juve vittoria fondamentale, ma guardiamo avanti

Milano, 5 nov. (LaPresse) - "Contro la Juve era una partita importante, storicamente molto sentita. Siamo consapevoli di aver vinto una gara fondamentale ma già da questo lunedì siamo concentrati sulla partita di Belgrado". Lo ha detto Javier Zanetti ospite ai microfoni di Radio Anch'Io sport su RadioUno.

"La Juve era imbattuta - ricorda il capitano nerazzurro - dimostrando di essere una squadra compatta, con idee chiare e che ha cambiato poco. Sappiamo di aver fatto una grande cosa, ma ora dobbiamo pensare alla gara di giovedì che è molto importante. Il gruppo è molto unito, ha tanta voglia di tornare a vincere. L'unità credo sia la cosa più importante".

Zanetti parla poi del giovane tecnico Andrea Stramaccioni e del suo rapporto. "Anche se ha 3 anni in meno di me c'è un rapporto prima di tutto di rispetto. È fondamentale per far bene, con il rispetto si possono fare tante cose importanti e l'età non conta". Al campione argentino viene poi chiesto se Moratti gli aveva comunicato prima degli altri la decisione di scegliere Stramaccioni come allenatore: "Il presidente parla sempre con me e i compagni, condividiamo tante cose. Quando mi è stato comunicato che questa era la scelta - ricorda - io subito mi sono messo a disposizione per dare l'appoggio e la tranquillità, garantendo che il gruppo sarebbe andato avanti con le idee del nuovo allenatore per il bene dell'Inter".

Infine un inevitabile commento sugli episodi arbitrali di sabato e le dichiarazioni di Moratto di ieri: "Abbiamo visto tutti cosa è successo, ma ormai quello che è fatto e fatto e speriamo non si ripetano. Noi dovevamo rimanere concenttrati sulla partita perchè sapevamo di avere tutto il tempo per recuperare. Sul priomo gol sinceramente non me ne sono accorto, mentre sul fallo di Lichtsteiner abbiamo protestato con l'arbitro".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata