Inter stende la Fiorentina. Il Cesena espugna Palermo

Milano, 10 dic. (LaPresse) - L'Inter torna alla vittoria battendo 2-0 la Fiorentina nella sfida valida per la 15esima giornata. Successo importante per Ranieri, che respira dopo le ultime due sconfitte, ottenuto contro un avversario apparso in ottima forma dopo il successo sulla Roma. I nerazzurri si fanno subito pericolosi con Pazzini al 4', ma Boruc blocca l'iniziativa del bomber nerazzurro. Ancora il portiere viola è protagonista, prima opponendosi al destro di Coutinho al 32' e quindi su Nagatomo tre minuti dopo. Il vantaggio nerazzurro è nell'aria e si concretizza al 41': merito di Pazzini che raccoglie un lancio di Coutinho e approfittando di un'incomprensione tra Boruc e Natali per segnare l'1-0. Nella ripresa arriva il raddoppio dell'Inter grazie a Nagatomo: Pasqual libera l'area ma il rimpallo premia il giapponese. Thiago Motta sfiora il tris al 22' con una gran conclusione, poi al 24' si fanno vivi i viola con una punizione con Vargas su cui Julio Cesar è attento. Nagatomo sfiora la doppietta personale al 28' ma è Maicon a sprecare un'occasione clamorosa al 34', gettando alle ortiche un assist di Maicon. Boruc scalda ancora i guantoni opponendosi a Pazzini al 38', poi nel finale la fiammata della Fiorentina con il colpo di testa di Silva su cui Julio Cesar si deve impegnare. Grazie a questo successo l'Inter, attesi martedì dal recupero della partita con il Genoa, sale a 17 punti e vede allontanarsi la zona pericolosa. La Fiorentina rimane ferma a 16.

Inter-Fiorentina 2-0

Marcatori: pt 41' Pazzini, st 3' Nagatomo.

Inter: Julio Cesar, Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Faraoni, Thiago Motta, Cambiasso, Coutinho (st 17' Muntari); Pazzini, Milito (st 20' Zarate). All: Ranieri.

Fiorentina: Boruc; De Silvestri, Gamberini, Natali, Pasqual; Behrami, Munari (st 7' Salifu), Lazzari (st 31' Kharja), Vargas; Ljajic (st 20' Silva); Gilardino. All. Rossi.

Arbitro: Tagliavento.



Vittoria importantissima per il Cesena di Arrigoni, che espugna il Barbera di Palermo per 1-0 grazie ad una rete di Mutu. Per i romagnoli è la terza vittoria nelle ultime quattro partite. I rosanero vedono invece interrompersi la striscia di sei vittorie tra le mura amiche. Al 21' Benussi si deve subito superare su un gran sinistro di Mutu, poi alla mezz'ora l'estremo difensore dei siciliani deve impegnarsi non poco sul destro di Candreva. Il Palermo si fa vivo in area bianconera al 36', Ravaglia si supera su Silvestre. Quindi è capitan Miccoli a sfiorare il vantaggio per la squadra di casa con un gran sinistro su cui è attento il portiere ospite. Nella ripresa la squadra di Arrigoni si porta in vantaggio: al 19' Mutu salta più in alto di tutti su corner e timbra il suo quarto gol in campionato. Le cose per il Palermo si complicano ulteriormente con l'espulsione di Munoz al 19'. Il Cesena sfiora il raddoppio al 37' con Bogdani sugli sviluppi di un contropiede. Alla fine è festa per i bianconeri che salgono a 12 punti e intravedono squarci salvezza. Il Palermo resta fermo a 20.

Palermo-Cesena 0-1

Marcatore: st 18' Mutu.

Palermo: Benussi, Pisano, Silvestre, Munoz, Balzaretti; Acquah (st 23' Mantovani), Bacinovic (st 34' Bertolo), Barreto; Ilicic; Pinilla (st 18' Varela), Miccoli. All. Mangia.

Cesena: Ravaglia, Ceccarelli, Von Bergen, Rodriguez, Rossi; Parolo, Guana; Ghezzal, Candreva, Eder (st 20' Bogdani); Mutu (st 34' Djokovic). All. Arrigoni.

Arbitro: Calvarese.



© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata