Inter, Moratti: Mazzarri? Squadra cresce, ma senza risultati saranno guai

Milano, 20 ott. (LaPresse) - "Mazzarri non piace al pubblico? Dico che vediamo, ieri ha avuto una buona reazione, è una persona seria. Ma il calcio purtroppo è crudele e pragmatico, dipende dai risultati e dai miglioramenti che si possono avere mano mano". Lo ha detto Massimo Moratti, presidente onorario dell'Inter, a margine del CdA della società nerazzurra. "E' sempre la prossima partita quella che conta, finché rimane il pensiero o il progetto di un avanzamento di crescita va bene", ha proseguito. Se questa situazione dovesse decrescere allora lo vedo nei guai". "Se io fossi ancora presidente, Mazzarri sarebbe già stato esonerato? Io sono un pessimo esempio, ho mandato via un allenatore che aveva vinto il campionato due giorni prima - ha aggiunto - non sono da prendere come esempio...". Moratti torna poi sul 2-2 ottenuto dai nerazzurri ieri contro il Napoli a San Siro: "In confronto alle due partite precedenti è stata incredibilmente diversa, positiva, con tanto orgoglio e determinazione. Questo è il fatto importante, che la squadra sia cresciuta in queste due settimane". "Thohir è diventato più interista? Credo di sì, quando sei nelle posizioni di grande responsabilità c'è poco da fare, tifoso lo diventi", ha spiegato Moratti. "Lo è decisamente, è molto preoccupato sempre prima delle partite, soffre come ogni tifoso. Spero ci sia ancora consentito di saltare quando la propria squadra fa gol...". Moratti ha elogiato il lavoro del magnate indonesiano, "è una persona molto seria, ha lavorato con attenzione in tutti i settori, man mano fa tesoro delle esperienze. Credo che non ci sia assolutamente da lamentarsi. Bisogna avere fiducia, magari ci vorrà del tempo per ottenere dei fantastici risultati, ma alcuni buoni già ci sono". Quindi una battuta sull'ex Stramaccioni, che bene sta facendo ad Udine: "Sono contento per lui, come di tutti gli altri allenatori che passano dall'Inter e hanno successo. Poi Stramaccioni nasce dall'Inter e sono felice".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata