Inter, Mancini: In un derby può accadere di tutto, speriamo di vincere

Milano, 22 nov. (LaPresse) - "È normale che la speranza delle due squadre sia quella di vincere. Ma in un derby può accadere di tutto". Lo ha detto Roberto Mancini, allenatore dell'Inter, alla vigilia del derby contro il Milan. "In questo momento non bisogna neanche guardarla la classifica. Bisogna solo far punti", ha aggiunto il tecnico nerazzurro al suo esordio nella seconda avventura: "Le sensazioni sono le solite prima di un derby, sono buone. Non sarà semplice, il Milan è una grande squadra. Io sono appena arrivato e non è che potessi fare chissà cosa. Ho bisogno di qualche partita per capire di più. Ho trovato però una squadra in buone condizioni, abbiamo fatto un buon lavoro".

"Sarà una partita difficile. La mentalità e l'attitudine a giocare la partita sono le cose più importanti", ha dichiarato ancora Mancini nella conferenza stampa della vigilia. "Tutti i derby sono belli anche queli persi, son momenti di passione e spettacolo. Mi ricordo quello vinto per 4-3 dopo una partita straordinaria. Comunque se non c'è entuisiasmo è difficile rendere bene e fare le cose al 100%", ha spiegato. "L'emozione in questo tipo di lavoro quando torni dove sei già stato e hai fatto bene è normale che ci sia", ha aggiunto a proposito dell sensazioni che proverà all'ingresso a San Siro. Per quanto riguarda i singoli, Mancini ha parlato di Guarin e Kovacic: "Credo che Guarin sia un grande centrocampista. Per noi sarà sicuramente un giocatore importante. Kovacic ha grandi qualità tecniche. È un giocatore su cui faremo grande affidamento ma senza pressioni". Infine sul suo rivale sulla panchina del Milan, Pippo Inzaghi: "Pippo ha una grande storia da calciatore, è giovane e ha la possibilità di allenare un grande club. Credo possa avere una grande futuro, il Milan lo sta sempre supportando".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata