Inter, ecco Podolski: Orgoglioso di essere in un club leggendario, vogliamo tornare in Champions

Milano, 8 gen. (LaPresse) - "Già l'accoglienza è stata di classe mondiale, non mi aspettavo così tanti tifosi all'aeroporto. E' stato un qualcosa di unico, quando ho visto la maglia numero 11 con il logo leggendario del club sono stato ancora più orgoglioso. E sono orgogliosi di aver già giocato contro la Juve, abbiamo avuto un buon risultato". Sono le prime parole di Lukas Podolski, neo acquisto della squadra nerazzurra. L'attaccante, arrivato dall'Arsenal, racconta in conferenza stampa le ambizioni e le motivazioni legate alla sua scelta di sbarcare in Serie A.

All'estero, spiega il tedesco, "l'Inter è percepito ancora come uno dei 10 club più forti al mondo, ha avuto successi importanti anche in tempi recenti, come il 'Triplete'. La Serie A - continua - è uno dei campionati più importanti, Bundesliga e Premier League hanno recuperato terreno ma questo rimane il campionato top in Europa. Per questo sono felice di essere qui, sono venuto per aiutare a riportare l'Inter a livelli ancora più alti". "Ora - continua Podolski - passata la fase del mio arrivo mi posso concentrare solo sul calcio. Facendo così saremo in grado di raggiungere il nostro obiettivo, tornare in Champions League. Lo vuole l'allenatore, lo vogliamo noi. Dovremo recuperare punti e vincere partite".

Sul caso Osvaldo-Icardi, Podolski commenta: "Son cose che succedono. Per me non è un problema, i media hanno gonfiato la storia. Non so cosa è successo nello spogliatoio. È l'allenatore che deve decidere, il mio compito è stare in campo e giocare bene, con la Juventus abbiamo fatto una buona partita ed è quello che conta". "Il rapporto con Mancini - sottolinea il tedesco - ha avuto un ruolo importante, avevo altre opzioni, ma ho parlato con l'allenatore e Ausilio che si sono impegnati molto e li ringrazio. Sono state trattative piacevoli e divertenti, ogni volta che mi sono confrontato. Sono felice, penso che l'Inter sia la scelta migliore per me".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata