Inter e Napoli anti Juve, delude la Roma di Zeman. Pari Toro a Siena

Torino, 26 ago. (LaPresse) - Inter e Napoli passano in carrozza a Pescara e Palermo, rischia un clamoroso ko interno la Roma di Zeman contro il Catania. Vince in trasferta la Lazio a Bergamo contro l'Atalanta, mentre Genoa e Chievo superano in casa rispettivamente Bologna e Cagliari. Pareggio senza reti tra Siena e Torino. Sono questi gli esiti della prima giornata di campionato di Serie A.

Buona la prima per l'Inter di Andrea Stramaccioni. Al debutto stagionale in campionato sul campo del neopromosso Pescara, i nerazzurri si impongono per 3-0. Micidiale l'uno-due con cui gli ospiti si portano in vantaggio e raddoppiano. Il tutto, nel giro di due minuti. Prima Sneijder insacca di tap in su un traversone di Milito al 17'. Quindi si mette subito in luce uno dei volti nuovi dei nerazzurri, Cassano: al 19' il barese entra in area e serve Milito che non ha problemi a mettere in rete. Gli abruzzesi di Stroppa rimangono comunque in partita. Nella ripresa Coutinho spegne le speranze dei padroni di casa firmando il 3-0 dell'Inter su cross basso di Milito.

Zdenek Zeman non riesce a bagnare con una vittoria il ritorno sulla panchina della Roma. I giallorossi strappano ad un ottimo Catania il pareggio per 2-2 ma sono costretti a rincorrere per ben due volte. Al 29' è Marchese a sbloccare il risultato sugli sviluppi di una conclusione di Almiron toccata da Osvaldo. L'azione però sembra viziata da fuorigioco. Nella ripresa riaggiusta i conti Osvaldo con una grande rete al quarto d'ora: mezza rovesciata del bomber italoargentino sul quale Andujar nulla può. Gli etnei si riportano avanti al 24' con Gomez, che sfrutta al meglio un lancio di Lodi. In pieno recupero, al 46', ci pensa il nuovo entrato Lopez che supera Alvarez e di sinistro batte Andujar. Zeman si salva, sorride Maran: per l'erede di Montella sulla panchina dei siciliani ottimo debutto.

Il Napoli dimostra subito di fare sul serio e travolge con un secco 3-0 il Palermo nel primo 'derby del Sud' della stagione. Al Barbera è Hamsik, innescato da Maggio, a rompere l'equilibrio con un gran destro da posizione defilata, prima dell'intervallo. Tra i rosanero il più vivace è il solito Miccoli. Nella ripresa i rosanero recriminano per un rigore netto non assegnato a Cetto, poi è Maggio a mettere il risultato in cassaforte. Al 34' Hamsik serve l'accorrente esterno della Nazionale che con un preciso diagonale batte il portiere di casa Ujkani. Mette il suo nome nel tabellino anche Cavani, due minuti prima del fischio finale: cross del nuovo entrato Vargas e appoggio di testa dell'uruguagio per il definitivo 3-0. Sorride Mazzarri, non certo Sannino che sperava in ben altro debutto sulla panchina dei siciliani.

Una rete di Hernanes al 17' del primo tempo è sufficiente alla Lazio per avere ragione dell'Atalanta a Bergamo. L'argentino è bravo a sfruttare un tiro-cross di Mauri dalla sinistra. Successo meritato per i biancocelesti e primi punti per il nuovo tecnico Petkovic. Per Colantuono ci sarà molto da lavorare: la sua squadra non sembra ancora in forma campionato.

Tra Chievo e Bologna succede tutto nella ripresa dopo un primo tempo avarissimo di emozioni. La squadra di Di Carlo inizia il campionato con una bella vittoria per 2-0. E' il solito Pellissier, alla 300esima partita con i gialloblù, a sbloccare il risultato di testa su traversone di Cruzado. Lo stesso nazionale peruviano firma il raddoppio per la squadra di casa battendo Agliardi di sinistro sugli sviluppi di una punizione di Luciano. Di Carlo mette in cassaforte i primi tre punti, il Bologna che termina la partita in dieci uomini per l'espulsione al 42' di Perez si rende davvero pericoloso solo nel finale con una conclusione di Gabbiadini.

Siena e Torino si spartiscono la posta al termine di un match avaro di vere emozioni. Al Franchi termina 0-0 con i toscani vicini al vantaggio al 20' della ripresa con una traversa toccata da D'Agostino su punizione. Il Torino non riesce a celebrare il ritorno in Serie A dopo tre anni con un successo. Entrambe le squadre partivano con le penalizzazioni decise dal processo calcioscommesse. I granata di Ventura, sanzionati con -1, salgono a 0 punti mentre i toscani di Cosmi vanno a -5.

Parte bene il Genoa di De Canio a caccia di riscatto dopo le delusioni della scorsa stagione. I rossoblù battono 2-0 il Cagliari nella prima apparizione stagionale al Ferraris. I padroni di casa potrebbero portarsi in vantaggio già al 17' della ripresa, ma Jorquera fallisce il rigore concesso da Rizzoli. La squadra di Ficcadenti si rende pericolosa con Nainggolan e Pinilla, ma nella ripresa passa il Genoa: al 6' Merkel approfitta di un pasticciaccio della retroguardia sarda per insaccare a porta sguarnita. Il Cagliari non demorde e si porta in avanti a caccia del pareggio. Il raddoppio della squadra di De Canio, al 40', è opera del volto nuovo Immobile: l'ex Pescara ringrazia il liscio di Astori e timbra il suo primo gol in Serie A.

I risultati della 1/a giornata del campionato di calcio di Serie A: Roma-Catania 2-2, Atalanta-Lazio 0-1, Chievo-Bologna 2-0, Genoa-Cagliari 2-0, Palermo-Napoli 0-3, Pescara-Inter 0-3, Siena-Torino 0-0. Milan-Sampdoria (18.00) 0-1. Juventus-Parma 2-0 (sabato 20.45); Fiorentina-Udinese 2-1 (sabato 18.00).

La classifica della Serie A dopo la prima giornata: Juventus, Inter, Lazio, Napoli, Chievo, Genoa, Fiorentina 3 punti; Sampdoria (-1) 2; Catania e Roma 1; Bologna, Cagliari, Torino (-1), Palermo, Pescara, Udinese, Milan e Parma 0; Atalanta (-2) -2; Siena (-6) -5.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata