Insigne: Napoli pronto per scudetto e per fare bene in Europa

Dimaro (Tn), 24 lug. (LaPresse) - "Voglio vincere con la mia squadra del cuore. L'obiettivo è fare bene in Champions e lottare per lo scudetto". Lo ha detto Lorenzo Insigne nel corso di una conferenza stampa dal ritiro del Napoli a Dimaro. L'attaccante, reduce dallo sfortunato Mondiale con l'Italia, unisce l'anima del tifoso a quello del calciatore e lancia il Napoli verso una stagione importante. E' un Napoli già rinforzato rispetto allo scorso anno: "Al momento non si può dire perchè c'è ancora tempo prima di iniziare la stagione. L'anno scorso siamo arrivati dietro a Roma e Juve, ma sappiamo di poter dare di più della stagione passata. Non penseremo alle avversarie ma solo a noi, lavoreremo per crescere e competere nella lotta al vertice". De Laurentiis ha detto che questo può essere l'anno vincente: "Sono d'accordo col presidente. Sicuramente dobbiamo continuare a lavorare sulla strada indicata dal mister e creare una mentalità vincente per puntare allo scudetto. Certamente partiremo con uno spirito superiore a quello dello scorso anno come consapevolezza della nostra forza". Un Insigne cresciuto anche nell'interpretazione del modulo di Benitez. "Sì, sto imparando un ruolo diverso ma mi trovo bene, do una mano importante alla squadra e voglio seguire le indicazioni di Benitez per dare il massimo. Poi se arriva il gol è bello per un attaccante, ma ciò che conta e vincere con i compagni", ha dichiarato.

Il giovane attaccante napoletano è consapevole dei miglioramenti da fare e degli obiettivi prefissati. "Io sono giovane e voglio migliorare in tutto. Le mie caratteristiche sono quelle dell'ultimo passaggio e del gol. Devo maturare in entrambe le fasi. Certamente punto a segnare più reti ma anche gli assist sono fondamentali nell'arco di una stagione. Sono sereno, non ho l'assillo del gol e penso solo a crescere con la squadra", ha raccontato. Si è parlato di richieste di club importanti, ma il Napoli punta su Insigne per il presente ed il futuro: "Io ho sempre ribadito che sono lusingato da eventuali richieste di Società importanti, ma io sto bene qua, amo questa maglia e voglio vincere con il Napoli e spero di riuscirci sin dall'anno prossimo". Le prime impressioni sui nuovi Koulibaly e Michu: "Certamente se sono stati presi vuol dire che alzeranno il livello del gruppo e renderanno il Napoli ancora più forte". Un nuovo acquisto lo si può considerare anche Edu Vargas: "E' un grande giocatore, lo ha dimostrato anche ai Mondiali. Se la Società decidesse di tenerlo, Edu potrebbe darci una grossa mano". Intanto però in attacco sembra esserci molta concorrenza: "Sì, ma la concorrenza aiuta a crescere e stimolare la rosa. Dobbiamo essere preparati tutti per farci trovare pronti quando il tecnico ci mette in campo".

Un Insigne protagonista della finale di Coppa Italia in una serata però dal sapore anche amaro e sentimenti contrastanti: "Sì sotto l'aspetto del campo sono stato felice di aver segnato quella doppietta e di aver vinto da napoletano la Coppa. Poi però quando seppi del dramma di Ciro Esposito sono stato molto male e non ci potevo credere. Sono cose che nel calcio non dovrebbero mai capitare. I tifosi dovrebbero solo amare la propria squadra, non farsi la guerra". Infine un messaggio ai tifosi su dove può arrivare il Napoli: "Al momento il nostro pensiero è al play off che sarà fondamentale per la stagione. Vogliamo tornare in Champions e dobbiamo affrontare al massimo questa sfida del preliminare. Poi i nostri obiettivi sono sicuramente fare bene in Europa e vincere lo scudetto. Vogliamo farlo soprattutto per i tifosi che amano questa maglia e ci spingono con tanta passione".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata