Indian Wells: vittorie all'esordio per Serena Williams e Azarenka
Un grande ritorno per la ex numero uno, ferma da oltre un anno dopo la nascita della piccola Alexis Olympia

Serena Williams e Viktoria Azerenka, al rientro nel circuito Wta, hanno superato senza problemi il primo turno del 'BNP Paribas Open', primo torneo Wta Premier Mandatory stagionale (combined con Atp Masters 1000) in corso sul cemento di Indian Wells, in California. L'ex numero uno del mondo, senza ranking perché ferma da oltre un anno per maternità (il successo su Venus nella finale degli Australian Open 2017 era il suo ultimo match disputato), ha sconfitto per 75 63, in poco più di un'ora e mezza di partita, la kazaka Zarina Diyas, numero 53 Wta, confermando l'esito dei due precedenti confronti.

"Non è stato affatto semplice - ha detto Serena - Anche se l'avevo già affrontata un paio di volte ed avevo sempre vinto in due set. Sono un po' arrugginita ma non importa. Sono qui soltanto per fare il meglio che posso". Serena, che in California ha vinto nel 1999 e nel 2001 (non ha disputato il torneo per 14 edizioni per la nota vicenda degli insulti razzisti ed è tornata a giocarlo nel 2015), potrebbe diventare la prima giocatrice a centrare il tris in California: prossima avversaria per lei l'olandese Kiki Bertens, numero 29 Wta e del seeding, che si è imposta in due set in entrambe le sfide precedenti (semifinale Roland Garros 2016 e secondo turno Us Open 2015). 

Rientro vincente anche per Victoria Azarenka, assente dal torneo di Wimbledon dello scorso anno (sconfitta negli ottavi dalla Halep) perché impegnata nella battaglia legale per la custodia del figlio Leo, nato a dicembre 2016. La 28enne di Minsk, scesa al numero 204 del ranking mondiale, vincitrice nel 2012 e nel 2016 (due anni fa si impose poi anche a Miami realizzando il 'Sunshine Double'), ha sconfitto per 6-4 6-2, in poco meno di un'ora e tre quarti di gioco, la britannica Heather Watson, numero 70 Wta, mettendo a segno il sesto successo in altrettanti confronti diretti. Al termine del match non è riuscita a trattenere l'emozione. "Piango perché è stata dura, soprattutto quando sono dovuta restare fuori dal circuito. Ci sono delle cose ancora da rimettere a posto, ma sono pronta a farlo", ha dichiarato a caldo la bielorussa, che al secondo turno troverà la statunitense Sloane Stephens. Vika si è aggiudicata in due set tutte e tre le sfide precedenti, l'ultima delle quali disputata al primo turno degli Australian Open di tre anni fa. 

In gara nel main draw californiano tutte le più forti, a cominciare dalle prime due giocatrici del ranking, Simona Halep, trionfatrice nell'edizione del 2015, e Caroline Wozniacki, a segno nel 2011. La rumena debutta nella notte italiana, direttamente al secondo turno - come tutte le 32 teste di serie - affrontando la ceca Kristyna Pliskova, numero 77 Wta (sorella gemella della top player Karolina), conto la quale si è imposta in due set al primo turno di Madrid dello scorso anno. In campo anche la spagnola Garbine Muguruza, numero 3 del ranking e del seeding, opposta alla statunitense Sachia Vickery, numero 100 Wta, proveniente dalle qualificazioni (sfida inedita). L'altra ceca Petra Kvitova, numero 9 del ranking e del seeding, deve vedersela invece con la kazaka Yulia Putintseva, numero 81 Wta (anche in questo caso non ci sono precedenti). La campionessa in carica è la russa Elena Vesnina

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata